Please assign a menu to the primary menu location under menu

Il Blog di ILERNA Online Italia

La Formazione Professionale su misura per te

Opinioni

L’igiene orale e il salto di carriera: la parola a Gaia

charla-gaia_IGGaia e un sogno da realizzare

Ospite di oggi della rubrica “La parola agli studenti”?

Si chiama Gaia ed è una delle nostre studentesse di igiene dentale. Gaia si è unita alla famiglia di ILERNA Online nel 2019 con la speranza di convertirsi in un’eccezionale professionista dell’igiene orale.

Siete curiosi di dare un’cchiata all’intervista che ci ha gentilmente rilasciato? Allora proseguite con la lettura.

igiene orale

1. Perché hai scelto ILERNA Online Italia? 

Ho scelto ILERNA Online Italia perchè volevo regalarmi la possibilità di intraprendere un percorso didattico e formativo che non inibisse i mei impegni lavorativi. Nutrivo da tempo il desiderio di ampliare le mie conoscenze e la mia preparazione in ambito sanitario, oltre al sogno di diventare una professionista capace e preparata nel campo dell’igiene orale. 

2. Come sei venuta a conoscenza della nostra scuola? 

Sono venuta a conoscenza di questa scuola attraverso il consiglio di un’amica, che aveva da poco portato a termine con entusiasmo, il ciclo di studi con ILERNA Online Italia.

3. Cosa ne pensi del metodo di studio ILERNA? 

Credo che il metodo di studio proposto da questa scuola sia capace di catturare l’attenzione dei propri studenti attraverso approcci educativi stimolanti e mai banali. I professori uniscono alle lezioni online, materiale interattivo ricco di informazioni e di nozioni chiare ed esaustive, rispondendo ai possibili dubbi di noi studenti, con cordialità ed in tempi tempestivi.

4. Come vedi il tuo futuro a livello professionale? E quali credi che siano i nostri punti di forza?

Grazie ad ILERNA Online Italia il mio sogno di diventare un’igienista dentale, si sta realizzando! Nel mio futuro ora, vedo indipendenza e appagamento, per aver pienamente soddisfatto le mie aspirazioni professionali ed intellettive. Tutto questo senza dover rinunciare al mio attuale lavoro, che mi tiene impegnata per molte ore durante l’intero arco della giornata. 

Questo è il grande successo di questo istituto, dare la possibilità ai propri allievi di conseguire un traguardo accademico, senza limitarli ad orari inflessibili per assistere alle lezioni o per svolgere le attività scolastiche domiciliari. 

5. Consiglieresti il nostro istituto? Perché?

Consiglio a tutti coloro che desiderano diventare professionisti capaci, competenti e specializzati nell’ambito dell’igiene orale, di affidarsi ad ILERNA Online Italia e a tutto lo staff che ne fa parte! Il team di questa scuola vi seguirà passo per passo nell’evoluzione da studenti ad esperti conoscitori della materia!

6. Descrivi in tre parole la tua esperienza presso la nostra scuola. 

Posso dire con fermezza che la mia esperienza presso ILERNA Online Italia è appassionante, avvincente e soprattutto molto appagante.

Ringraziamo Gaia per le gentili parole spese sul nostro Centro. Siamo certi che a fine percorso si convertirà in aun professionista capace e competente.


Tempo fa, un’altra delle nostre studentesse, Barbara, ci ha gentilmente rilasciato un’intervista, focalizzandosi sui vantaggi della didattica a distanza. Per maggior dettagli a riguardo, cliccate al seguente bottone:

COME TROVARE LA MOTIVAZIONE PER STUDIARE

studioCome trovare la motivazione per studiare

Vi state chiedendo come trovare la motivazione per studiare? 

Il semestre ha avuto inizio il 30 settembre e sappiamo che molti di voi si sono già immersi appieno nello studio. Siamo coscienti di quanto sia difficile mantenere la concentrazione dopo una dura giornata di lavoro.  Per quanto la passione per questa disciplina vi porti a muovere mari e monti, torniamo a casa stanchi e stremati dalle mille incombenze e l’ultima cosa che vorremmo fare è aprire un libro di igiene dentale.

Qui di seguito vi presentiamo una lista di consigli da seguire per ritrovare la motivazione per studiare.

come trovare la motivazione per studiare

Trova un posto tranquillo

Trovare un posto tranquillo è la chiave per portare a termine una buona sessione di studio. Molti ritengono utile allontanarsi dalla propria casa e optare per una biblioteca o cyber café (bè, per lo meno questo prima dell’arrivo del Covid-19). Vi consigliamo di eliminare tutte le distrazioni, che siano televisore, cellulare, tablet e computer (nel caso in cui non ne avessi bisogno per studiare) e preparare una scrivania a prova di studio. Metti nello zaino tutto ciò che ti occorre: libri, penne, matite ed evidenziatori. E perché no, invita il tuo amico a quattro zampe a farti compagnia durante le ore di studio, accarezzare la loro morbida pelliccia ti aiuterà a rilassarti.

Tieni al tuo fianco snack e acqua

 Si tende essere più produttivi quando si è idratati e pieni di energia. Ti consigliamo di optare per frutta fresca/secca o una barretta di cereali

Evita i cibi grassi e i dolci: pizza, ciambelle, muffin… Creeranno una scarica di energia che si convertirà rapidamente in sonnolenza.

Non studiare sul letto

Ciascuna azione o abitudine ha un suo luogo specifico. Il letto e il divano non sono di certo i posti più appropriati per svolgere una sessione di studio a pieno ritmo. Opta per la comodità ma senza esagerare.

Indossa vestiti comodi

Studiare con indosso un paio di jeans alla moda, stretti al punto tale da stringerti sulla pancia, non è di certo la migliore opzione. Scegli vestiti comodi che non ti arrechino nessun  tipo di fastidio. 

Imposta il cellulare in modalità silenziosa

Avverti i tuoi amici e i tuoi famigliari che ti aspetta una sessione di studio intensa e che pertanto evitino di mandarti messaggi qualora non fosse urgente. e ricordati: niente social media! Se necessario, spegni il cellulare o allontanalo dalla tua postazione di studio. 

Spegni il computer 

Qualora non ne avessi bisogno per questioni di studio, spegni la scatola magica in grado di risucchiare tutta la tua concentrazione. Capita spesso di dire “Controllo velocemente le e-mail” o “Leggo solo questo post e chiudo tutto”, finendo con lo sprecare un’ora intera.

Alcuni consigli?

  • Stampa le informazioni che ti servono prima di metterti a studiare e poi spegnilo. Non ne sarai tentato.
  • Se hai bisogno di usare solo Word per prendere appunti o fare schemi, togli temporaneamente la connessione a internet.

Stabilisci obiettivi concreti per ogni sessione di studio

Stabilisci obiettivi concreti e raggiungibili, non generici e astratti. Non si tratta di dire: “Devo diventare bravo in fisiopatologia generale”, ma di procedere un obiettivo alla volta, come imparare un determinato protocollo sanitario o saper svolgere una procedura nello specifico. 

Una volta che lo avrai raggiunto, ti sentirai più ottimista e potrai dedicarti a un altro.

Ricompensati quando raggiungi un traguardo 

A volte riposare può giovare alla tua salute mentale: concediti una piccola pausa facendo una breve passeggiata, ascoltando la tua canzone preferita o facendo merenda con un piccolo snack. Tuttavia, ricorda che dopo la pausa, ti toccherà tornare sui libri: stabilisci un tempo di riposo e rispettalo. Se è necessario, imposta una sveglia sul tuo cellulare. 

Organizza un programma di studio 

Avere un programma di studio aiuta a porsi obiettivi e avere la certezza di terminare di studiare prima della fatidica data dell’esame.

Potete organizzare il vostro calendario in maniera analogica utilizzando una semplice agenda, o online attraverso vari programmi ampiamente diffusi. Consigliamo di creare un calendario utilizzando un foglio excel su Google Drive e aggiornarlo di volta in volta. Un altro ottimo metodo è creare una to do list con Todoist, un’applicazione web, smartphone e desktop per organizzare le attività quotidiane, dal lavoro al tempo libero. 

Un’altra applicazione piuttosto conosciuta è Notion, un programma completo di database, kanban board, wiki, calendario e promemoria.

Ora che avete letto i consigli sopra citati, non vi basterà far altro che metterli in pratica.

Avete mai sentito parlare di blended learning? Date un ‘occhiata al seguente articolo per conoscere tutti i segreti

LEGGI L’ARTICOLO

 

LE DIFFERENZE TRA L’AMBIENTE ODONTOIATRA SPAGNOLO E ITALIANO SECONDO ISABEL MORAZA MERINO

charla-isabel_IGL'odontoiatria tra Italia e Spagna

Vi siete mai chiesti quali sono le principali differenze tra l’ambiente odontoiatra spagnolo e quello italiano?  Scopriamolo assieme alla Dottoressa Isabel Moraza Merino.

Settimane fa abbiamo avuto l’onore di raccogliere la preziosa testimonianza della Dottoressa Isabel Moraza Merino, da anni attiva sul suolo italiano, riguardo i principali aspetti che differenziano l’ambiente odontoiatra spagnolo da quello italiano. Inoltre, abbiamo discusso delle conseguenze portate dal Covid-19 sul settore sanitario iberico e italico. 

odontoiatra

Isabel Moraza Merino possiede una Laurea in Odontoiatria e Protesi dentaria, conseguita presso l’università di Siviglia. Dal 2010 esercita da libera professionista  in strutture private a Roma come odontoiatra generica. Inoltre, dal 2015 collabora con l’ospedale odontoiatrico “George Eastman” nel reparto di chirurgia, protesi e parodontologia diretto dal Prof. Luca Cordaro.

La Dott.ssa Merino è membro dell’ITI (International Team for Implantology) e traduttrice di articoli scientifici dall’italiano allo spagnolo, pubblicati nella Revista del Colegio de Higienistas Dentales di Madrid.


 

Qui di seguito vi lasciamo l’intervista che ci ha gentilmente rilasciato:

1. Ci può raccontare in dettaglio il percorso di studi da Lei intrapreso in Spagna?

Dopo aver conseguito il diploma di maturità in Scienze della Salute nella mia città natale, mi sono trasferita nel sud della Spagna dove mi sono laureata in odontoiatria presso l’Università di Siviglia. Ai tempi dell’università, lavorai per una prestigiosa clinica odontoiatrica a Siviglia e ho assistito un professore della mia facoltà nel suo studio. Pertanto, dopo aver conseguito il diploma universitario, possedevo già un certo livello di conoscenza del lavoro e di come gestire una clinica odontoiatrica. Inoltre, mi sono tenuta aggiornata frequentando diversi corsi e convegni.

2. Che differenze nota con il sistema educativo italiano? 

La differenza principale riguarda lo stage: mentre in Spagna lo si fa dal secondo anno di laurea (nel mio caso con tema “introduzione alla clinica odontoiatrica”) ​​e si approfondiscono durante il quarto e il quinto anno (quasi interamente a livello pratico), in Italia gli studenti terminano il percorso senza aver potuto esercitare la professione, il che comporta un ritardo nell’accesso al mercato del lavoro, che si riflette in un maggiore impegno da parte del neolaureato. Tuttavia, ritengo che il grande sforzo a livello teorico richiesto agli studenti italiani sforna professionisti di grande eccellenza, come avviene nell’odontoiatria italiana.

3. Ha dovuto procedere con l’omologazione del suo titolo per poter esercitare in Italia? Se sì, si è trattato di un processo complicato?

Sì, ho iniziato tutto l’iter burocratico mesi prima di trasferirmi in Italia, e devo dire che è stato abbastanza semplice: consisteva principalmente in un documento del Ministero della Salute che riconosceva la possibilità di esercitare in Italia, il cosiddetto “good standing”, un certificato che garantiva la mia buona reputazione come odontoiatra e pertanto la possibilità di svolgere la mia professione nel “Bel Paese”; il mio certificato accademico personale; e infine in un dettato del Collegio dei dentisti di Roma per dimostrare la mia padronanza della lingua italiana.

4. Ritiene giusto quanto dettato dalla Direttiva Europea 2005/36/CE concernente il riconoscimento del titolo di studi esteri? Cosa pensa delle misure compensative imposte dal Ministero della Salute italiano per concedere l’abilitazione professionale a coloro che provengono da un percorso di studi estero?

Ritengo che sia giusto poter esercitare in qualsiasi Paese della CEE purché siano soddisfatti il ​​livello accademico necessario e i vari requisiti. Sinceramente, non so se negli ultimi anni (ho omologato il mio titolo di laurea 10 anni fa) l’iter di omologazione si è fatto più complicato.

5. Cosa l’ha portata a vivere e lavorare in Italia? 

Anche se suona molto romantico, l’ho fatto per la persona che attualmente è mio marito:  ai suoi tempi ho lasciato tutto per amore. In quel momento, lavoravo in una clinica odontoiatrica dove mi trovavo molto a mio agio, ma nonostante ciò, salutai la mia famiglia e gli amici per ricominciare tutto da zero qui in Italia.

6. Ha riscontrato delle difficoltà in ambito lavorativo provenendo da un percorso di studi straniero? (si intende sia a livello professionale che personale)

A livello formativo, mi sono sentita molto amata come spagnola dagli italiani. Tuttavia, senza alcun tipo di contatto, non è assolutamente facile ricevere proposte di lavoro, e nel caso in cui ciò avvenisse, si tratta di posizioni con un livello di responsabilità inferiore. Inoltre, c’è da sottolineare che in Italia finiscono l’università un anno dopo rispetto alla Spagna e senza aver avuto la possibilità di prendere parte a uno stage formativo. Insomma, l’iter per ottenere una posizione di un certo livello è alquanto lungo e faticoso.

7. Che differenze nota tra l’ambiente odontoiatra spagnolo e quello italiano? 

 Il profilo del dentista medio nei due Paesi è alquanto diverso: mentre in Spagna si tratta di una giovane donna (l’anno in cui mi sono laureata io, l’80% di noi erano ragazze), in Italia è quello di un uomo sulla sessantina, soprattutto in ambiti come la chirurgia orale. Ricordo ancora la prima volta che frequentai un corso presso il Collegio dei Dentisti di Roma, questo aspetto attirò molto la mia attenzione.

8. Se dovesse individuare un aspetto dell’ambiente odontoiatra spagnolo che Le piacerebbe portare in Italia, quale sarebbe? E uno italiano che manca in Spagna? 

Credo che l’ambiente odontoiatrico in Spagna sia meno competitivo; tra i professionisti c’è più cameratismo senza necessità di dimostrare che tu sia il migliore. D’altro canto in Italia, mi piace l’atteggiamento del paziente nei confronti del professionista, dal momento che si rivolgono a lui con più rispetto e si affidano alla clinica odontoiatrica tradizionale, tralasciando la fiducia nei numerosi franchising che sono emersi in questi ultimi tempi e che, fortunatamente, stanno perdendo poco a poco posizioni nel mercato del lavoro.

9. E ora passiamo all’argomento che è sulla bocca di tutti: coronavirus ed economia. Ha avuto notizia dai suoi colleghi spagnoli circa l’impatto del coronavirus sul settore dell’odontoiatria?

In Spagna l’impatto sull’economia in generale e sui consumi da parte del paziente è stato notevole. Nel mio caso, invece, in Italia i mesi successivi alla quarantena forzata sono stati positivi, con grande richiesta da parte del paziente di trattamenti odontoiatrici quali il ridimensionamento o il conservatore dentale. Si spera che questa tendenza continui così, e che finalmente il paziente comprenda l’importanza di avere una buona salute orale e del suo impatto a livello generale.

10. Se dovesse descrivere in poche parole il mondo post-covid, come sarebbe? 

Un mondo basato sulla scienza e governato da regole. e valorizzando l’importanza della prevenzione nella salute e nel nostro caso nella salute dentale.

Ringraziamo la Dott.ssa Merino per averci reso note le sue opinioni e aver fornito un quadro piuttosto dettagliato sulle principali differenze che caratterizzano Italia e Spagna in ambito odontoiatrico. 

Il filo rosso che le accomuna? L’importanza della prevenzione sul fronte sanitario

INTERVISTA AL PROFESSORE: COVID-19 E RESILIENZA

MireiaMireia e la resilienza ai tempi del Covid-19

Onliners! Bentornati alla nostra rubrica “Intervista al professore”!!

 Oggi abbiamo avuto l’onore di intervistare una delle nuove professoresse di igiene dentale di ILERNA Online Italia: Mireia Estivill.

Mireia ha condiviso il suo punto di vista riguardo il settore dell’igiene dentale, ponendo enfasi sulle conseguenze catastrofiche causate dal Covid-19 e dando utili consigli su come affrontarle al meglio. Un consiglio? Resilienza.

resilienza

1. Quali sono i principali cambiamenti che si stanno già osservando nel settore dell’igiene dentale? 

I principali cambiamenti osservati nel settore dell’igiene dentale riguardano la riduzione delle visite dei pazienti per paura di contrarre la malattiaCiò è avvenuto in seguito alla catalogazione degli igienisti dentali come i professionisti più a rischio da parte del New York Times.

Oltre alla paura, ci sono altri problemi che si traducono in perdite economiche, come ad esempio tempi dilatati tra i pazienti a causa della necessità di disinfettare tutto in profondità, dagli strumenti adottati sino al minimo punto della sala con il quale il paziente è entrato in contatto. 

2. Nonostante la fase più critica della pandemia ce la siamo lasciati alle spalle, rimane la paura. Come rassicurare i pazienti? 

Mi piacerebbe lasciare alle spalle anche il termine “paura” e parlare invece di “rispetto” o sana paura. E’ questo che si deve mostrare in primo luogo ai pazienti: il rispetto che in qualità di professionisti abbiamo nei loro confronti. Per tale motivo, è importante comunicare loro tutte le misure di sicurezza prese nelle nostre cliniche; mantenere un rapporto attivo con il paziente per via telefonica o email, per far sapere loro che c’è un interesse nei confronti della loro salute e costruire cosí un ambiente di estrema fiducia.

3. Il mese scorso, il New York Times ha catalogato i lavori e le professioni più a rischio Covid19: al primo posto ha inserito gli igienisti dentali, dietro di loro, i medici di base, gli internisti e infine, gli  assistenti dentali e dentisti. Cosa pensi a riguardo?

Secondo me, la classificazione svolta dal New York Times è logica, dato che la saliva gioca un ruolo importante nella trasmissione, e inoltre perché il contagio viene favorito dall’aerosol prodotto durante una seduta di igiene. È per questo motivo che le cliniche devono seguire tutti i protocolli d’igiene dal momento in cui il paziente entra nella clinica: pulizia delle mani con sapone e disinfettante, uso de occhiali, schermi, guanti, maschere, cuffie…

4.Come donna, credi che le lavoratrici rischiano di pagare di più le conseguenze portate dal coronavirus? 

Per quanto riguarda le lavoratrici, credo si tratti di un periodo particolarmente difficile, dal momento che le cliniche dentali stanno subendo perdite economiche importanti e si vedono costrette a ricorrere al licenziamento del personale. A cadere in questa trappola, sono solitamente le donne, le quali è risaputo essere sottoposte a peggiori condizioni lavorative. A ciò, si aggiunge il peso del lavoro domestico, che tristemente la società lascia che ricada di più sulle donne, che si vedono obbligate a rimanere a casa con i figli.

5. Come ricorda Luca Landi, presidente SIdP, l’impatto delle malattie gengivali sulla salute generale è consistente e può diventarlo ancora di più in tempi di pandemia Covid-19: gengivite, parodontite e perimplantite sono infatti malattie infiammatorie croniche che minacciano la salute complessiva dell’individuo. Alcuni consigli utili su come prendersi cura dell’igiene orale anche in questo periodo?

L’igiene dentale è cruciale per godere di una buona salute generale, ed è per questo che non deve essere mai trascurata. Un consiglio è quello di cercare di mantenere un’alimentazione equilibrata e spazzolare i denti dopo ogni pasto, cosí come fissare visite periodiche dal proprio dentista di fiducia.

6. Infine, come credi che sarà il mondo post-covid19?

La società post-covid19 saprà affrontare i problemi che le si porranno con grande forza e coraggio. Questa pandemia ci ha insegnato cos’è la resilienza. In psicologia, la resilienza è la capacità di resistere, fronteggiare e riorganizzare positivamente la propria vita a seguito di un evento traumatico senza nascondere le difficoltà, cercando di andare avanti trasformando l’evento negativo in opportunità di crescita. Far fronte allo stress renderà più forte te, le persone a cui tieni e la tua comunità. E per concludere mi piacerebbe pensare che questa pandemia ha messo in evidenza la necessità di investire e migliorare le condizioni lavorative in sanità, educazione e ricerca.

 

Ringraziamo Mireia per il suo sano e interessante punto di vista. La pandemia ha di certo portato morte e dolore ma, come ben ricorda la nostra professoressa, ci ha anche insegnato il concetto di “resilienza”: trasformare un evento negativo in un’opportunità di crescita.

LA PAROLA A STEFANIA: 25 ANNI DOPO LA CRESCITA PROFESSIONALE GRAZIE A ILERNA

stefania_IGStefania e il salto di carriera grazie a ILERNA

Salti di carriera e crescita professionale nella rubrica “La parola agli studenti”.

L’ospite di oggi è Stefania Brandalise, studentessa di ILERNA Online Italia e attiva da ben 25 anni nel mondo odontoiatrico. Grazie al nostro Istituto, Stefania potrà aspirare a un importante salto di carriera e iniziare a esercitare la professione di igienista dentale. Come ben sottolinea Brandalise, il metodo di ILERNA rappresenta il futuro, in quanto consente a tutti di prendere parte a un percorso di studi e crescere professionalmente senza restrizioni.

crescita professionale

1. Perché hai scelto ILERNA Online Italia?

ILERNA, dopo 25 anni nel mondo dell’odontoiatria, mi dava l’opportunità che cercavo, una crescita professionale. Come? Riuscendo a conciliare tutti gli impegni che una donna a 45 anni ha, “casa, famiglia, lavoro” e potendo studiare senza l’obbligo di frequenza. Credo che sia giusto dare a tutti la possibilità d’istruirsi e di crescere senza restrizioni. Questo metodo rappresenta il futuro!

2. Come sei venuta a conoscenza della nostra scuola?

Ho conosciuto la scuola di ILERNA facendo delle ricerche su internet, su indicazione di professionisti laureati in Spagna.

3. Cosa ne pensi del metodo di studio ILERNA?

Il metodo di studio che utilizza ILERNA è impegnativo, soprattutto se non si ha nessuna conoscenza in ambito odontoiatrico. Bisogna studiare e apprendere in modo preciso per poter affrontare gli esami. I professori sono sempre a disposizione per chiarimenti, ma non avendo un riscontro in aula bisogna essere organizzati e tanto motivati.

4. Come vedi il tuo futuro a livello professionale?

Il mio futuro lo vedo in salita, sono felice d’aver approfondito le mie conoscenze in ambito d’igiene dentale e spero di poter mettere in campo le mie capacità e trasmettere la mia passione.
Sono fiduciosa che il Ministero della Salute Italiano prenda in considerazione questo metodo di studio e che analizzi il percorso individuale di ogni alunno. Visto il periodo che stiamo passando con il Covid-19 anche l’istruzione in Italia dovrà adeguarsi a questi nuovi metodi internazionali.

5. Quali credi che siano i nostri punti di forza?

I punti di forza di questa scuola sono state le lezioni in presenza a Milano, dove con i professori ho potuto approfondire e chiarire i miei dubbi. Anche il tirocinio presso uno studio dentistico l’ho ritenuto un’esperienza importante per apprendere nuovi metodi di lavoro.

Un altro punto di forza è stata senza dubbio l’opportunità che questa scuola ha dato a molte persone di poter studiare, lavorare e conciliare gli impegni familiari.

6. Consiglieresti il nostro istituto? Perché?

Consiglierei questo metodo di studio a tutte quelle persone che hanno già approfondito e lavorato in questo ambito, perché è un’opportunità di crescita lavorativa. Mi sono trovata bene sia con gli insegnanti che con tutto lo staff di ILERNA, sempre al fianco dell’alunno per ogni chiarimento e difficoltà.

7. Descrivi in tre parole la tua esperienza presso la nostra Scuola.

Questa scuola è efficiente, all’avanguardia e professionale.

 

Ringraziamo Stefania per aver condiviso con noi la sua esperienza presso ILERNA. Ci riempie il cuore sapere che i nostri studenti considerano il nostro metodo di studio un esempio da seguire. ILERNA crede fermamente in un modello di apprendimento libero da qualsiasi tipo di vincolo o restrizione.

Qui di seguito vi lasciamo la testimonianza di un’altra delle nostre studentesse, che grazie a ILERNA ha potuto tornare sui banchi di scuola ed aspirare a un salto di carriera.

LEGGI L’INTERVISTA

 

IL DOTT. PIERPAOLO PELLEGRINO E L’NCERTEZZA SUL CONTENIMENTO DELLA PANDEMIA

pierpaolo_IGPierpaolo Pellegrino e l'incertezza del Covid-19

Riflessioni e impressioni di un igienista dentale sulle conseguenze della pandemia sul settore sanitario e il mondo post-covid-19.

Qualche settimana fa la redazione di ILERNA Online Italia ha avuto il piacere di intervistare Pierpaolo Pellegrino, Dottore in Igiene Orale e attualmente esercitante la professione di igienista dentale nei due studi di famiglia.  Il Dott. Pellegrino si occupa di salute orale con focus specifico sui disturbi dell’articolazione temporo-mandibolare.

Nel corso dell’intervista, abbiamo avuto modo di approfondire le conseguenze provocate a livello socio-economico dalla pandemia sul settore odontoiatrico. Ne è emerso un mondo incerto, dato dall’elevata difficoltà attuale di contenere la diffusione del virus.

contenimento della pandemia


1. Prima di dare inizio all’intervista, ci potrebbe fare un breve excursus riguardo i suoi studi e la carriera professionale intrapresa?

Ho cominciato il mio percorso di studi presso l’Università Vita-Salute San Raffaele di Milano e conseguentemente concluso il percorso nell’Università G. d’Annunzio Chieti-Pescara, conseguendo il titolo di Dottore in Igiene Orale. Attualmente, continuo il percorso professionale frequentando la Scuola di Osteopatia e Posturologia Chinesis I.F.O.P. di Roma, per allargare ed integrare terapie preventive e di potenziamento della salute. Per meglio comprendere il mio iter professionale non posso non citare mio padre, Antonio Angelo Pellegrino, medico chirurgo, specializzato odontostomatologo, Gnatologo ad indirizzo Neuro-muscolare post-Jankelsoniano e Psicoterapeuta con indirizzo in Ipnosi Ericksoniana. Attualmente con i due studi di famiglia composti da me, mio padre ed i miei due fratelli Giovanni e Carmen (entrambi odontoiatri) ci occupiamo a tutto tondo di salute orale con focus specifico sui disturbi dell’articolazione temporo-mandibolare. Il mio obiettivo professionale è attualmente portare e coinvolgere gli igienisti italiani nelle terapie relative ai disturbi dell’articolazione temporo-mandibolare e del dolore oro-facciale tramite la tecnologia laser, col fine di ottenere sia una terapia che un approccio sofisticato, preciso ed all’avanguardia nel progetto comune del mantenimento e potenziamento dello stato di salute della popolazione.

2. Nel mese di maggio, il New York Times ha catalogato i lavori e le professioni più a rischio Covid19: al primo posto ha inserito gli igienisti dentali, dietro di loro, i medici di base, gli internisti e infine, gli  assistenti dentali e dentisti. Cosa ne pensa a riguardo?

L’analisi del New York Times rappresenta la realtà clinica e tecnologica della nostra professione. Nelle pratiche delle terapia parodontali non-chirurgiche risulta sempre una produzione di Aereosol che coinvolge pienamente l’ergonomia clinica di noi Igienisti Dentali. Questa produzione di Aeresol non e’ altro che un medium di microbi, acqua ed altre componenti organiche del cavo orale del paziente. La produzione del suddetto avviene sia con la strumentazione meccanica, sia con le nuove tecnologie terapeutiche ad esempio le terapie Air-Flow (manipoli a flusso d’aria ed acqua che veicolano polveri specifiche come la glicina o l’eritritolo con il fine dell’eliminazione del biofilm batterico) che risultano in una produzione di aereosol anche maggior delle strumentazioni meccaniche. Nel contesto dell’emergenza Covid-19 le tecnologie laser risultano le più sicure per l’operatore con picchi di efficienza maggiori delle altre tecnologie per alcune componenti della patologia orale, ma completamente inutili per altre necessità cliniche. In ogni caso si può contare sul fatto che noi igienisti dentali, essendo formati in maniera specifica per  questo genere di pratica clinica, siamo i più consci su come le protezioni individuali siano SEMPRE necessarie per proteggere noi stessi ed i pazienti. Possiamo dirlo orgogliosamente.

3. Se dovessimo condividere alcune cifre significative che rappresentano l’impatto del coronavirus sul settore dell’igiene dentale, quali sarebbero?

Più che di cifre bisognerebbe parlare di Metodo e Metodologia clinica. Nel mio caso specifico avendo praticato sin subito dopo la Laurea con tutte le tecnologie terapeutiche sopra-citate, ho sempre lavorato con divisa con sopra camice mono-uso, cuffietta, occhiale protettivo, visiera ed ovviamente mascherina con oggi l’aggiunta, più che gradita, delle maschere con alta capacità di
filtrazione(le ffp2 e 3). Ho sempre sensibilizzato i miei pazienti alle tecnologie di sterilizzazione all’avanguardia dei nostri studi (l’educazione del paziente comprende anche come funziona uno studio odontoiatrico). L’unica “cifra” che è variata si riferisce alle tempistiche tra paziente e paziente. Una seduta con me ha una durata che oscilla tra l’ora e l’ora e venti minuti, detto questo ho quindi portato l’alternanza tra ogni paziente a due ore: un’ora circa di seduta, mezz’ora di pulizia dei locali e riciclo dell’aria dei locali, ed una mezz’ora accessoria in cui mi prendo tutto il tempo di riverificare che sia tutto in perfetto ordine. Questo risolve totalmente l’eventualità di piccoli assembramenti nella sala d’attesa.
Certo bisogna specificare che io lavoro dalle 10 alle 20, alle volte le 22, dal lunedì al sabato, questo ò un dato che può essere rilevante per altre realà cliniche, per questo motivo ho parlato di Metodologia: personalmente tuttorisiede in questo fattore, il metodo con cui impostiamo la pratica clinica, gestionale ed educativa del nostro studio.

4. Ha subito in prima persona le conseguenze disastrose del coronavirus a livello professionale?

Possiamo dire di sì. Il fattore più stressante della questione è sicuramente stata l’incertezza dei tempi di contenimento della pandemia. Ma possiamo dire ampiamente che per quanto sia stato un momento socio-economico complicato se non terminale per alcune realtà lavorative, non è niente a confronto di quello che l’apparato del sistema sanitario nazionale, che e’ intervenuto per tutta la durata della pandemia, ha subito. Da tutti gli operatori sanitari e medici specialisti che sono intervenuti alla popolazione che ha dovuto subire gli effetti del virus. Per quanto la pandemia sia stata un momento di trauma economico, non bisogna dimenticare che è stato anche un momento di morte e dolore.

5. Ha un ricordo positivo di questa pandemia che Le piacerebbe condividere?

Sicuramente il sentimento di gratitudine che molti hanno espresso per i medici e sanitari del sistema sanitario nazionale e per tutti gli altri operatori di servizi primari che hanno continuato a lavorare in un periodo che ha messo a dura prova tutti. I sentimenti di gratitudine sono sempre magnifici, lo sono ancora di più quando vengono dalla collettività.

6. Secondo Lei, che cosa potrà insegnare questa emergenza al settore sanitario in generale?

Che non ci possono essere compromessi economi e politici quando si parla di salute collettiva. Nient’altro da aggiungere.

7. Infine, sarebbe in grado di descrivere in poche parole come sarà per Lei il mondo post-covid19?

Mi auguro con tutto me stesso un mondo migliore, ma è chiaramente un pensiero ingenuo. Sicuramente possiamo dire che molti hanno ritrovato la fiducia nella medicina moderna, una fiducia che negli ultimi anni vacillava su piu’ fronti. Personalmente fino all’arrivo del vaccino saremo sempre sull’attenti, ma confido che adesso tutti comprendano l’importanza della collaborazione socio-sanitaria nel mantenere salubre la vita di un intero Paese.

Ringraziamo il Dott. Pellegrino per il tempo dedicatoci e averci fornito una descrizione dettagliata della metodologia clinica da lui adottata. Un pensiero positivo? La fiducia riacquistata nella medicina moderna, l’importanza della collaborazione socio-sanitaria nel mantenere salubre la vita di un’intera nazione e il sentimento di gratitudine proveniente dalla collettività.

LA RICERCA DEL LAVORO AI TEMPI DEL CORONAVIRUS

jorge_IGLa ricerca del lavoro ai tempi del Coronavirus

Cercare lavoro non è mai stato un compito facile. Sebbene possiamo tenere sotto controllo molti dei fattori che hanno un impatto diretto sulla ricerca del lavoro, quali la nostra formazione o buona predisposizione alla ricerca, vi sono altri di carattere generale (il cosiddetto macroambiente) che non sono facilmente controllabili e che, tuttavia, possono influenzare il nostro successo sul mercato del lavoro. 

Come ben sapete, in questo 2020 la causa principale e una delle maggiori minacce sia per la ricerca che il mantenimento del proprio posto di lavoro sono costituite dal Coronavirus.

Il Coronavirus può influire sulla mia capacità di trovare lavoro? Assolutamente, sì. La preoccupazione per il virus a tutti i livelli, che siano economico, lavorativo, sanitario, ecc. genera una grande quantità di problemi per i datori di lavoro, i lavoratori e le persone che sono in ricerca attiva. Molte aziende hanno dovuto chiudere i battenti o ridurre il numero di lavoratori, pertanto l’assunzione di nuovo personale è stata ritardata o sospesa direttamente nella maggior parte dei settori professionali a causa dei tempi incerti che stiamo vivendo.

Di fronte a questa situazione, è normale avere molti dubbi ed è per questo che il nostro professore Jorge Abadia ha preparato una lista di consigli che speriamo possano esservi utili.

La ricerca del lavoro secondo Jorge

Dal momento che molte aziende hanno chiuso o si sono viste costrette a sospendere in maniera temporanea la loro attività, devo congelare anch’io la mia formazione o la ricerca del lavoro?

La risposta è no, il mercato pullula di offerte di lavoro. Il punto è che le procedure di reclutamento saranno sempre più online piuttosto che faccia a faccia, e tecniche quali il video colloquio diventeranno sempre più importanti. Pertanto, si tratta di un ottimo momento per proseguire con la nostra formazione, soprattutto per quanto concerne le nuove tecnologie.

Devo aggiornare i miei profili professionali?

Ora più che mai la nostra presenza sui mezzi di comunicazione digitali è fondamentale per la ricerca del lavoro. Possiamo approfittare di questo periodo per aggiornare il nostro CV e lettera di presentazione, e renderci pertanto più appettibili per il mercato del lavoro. Cerca di mettere in risalto le tue capacità anche con un pizzico di originalità. Questo è il momento giusto per trasmettere una prima impressione genuina a selezionatori, potenziali collaboratori, clienti e tutti gli altri professionisti che ti troveranno online.

Ma ci sono ancora aziende che assumono?

Nonostante la situazione sia piuttosto particolare e confusa, sembra che i tempi più duri della pandemia ce li siamo ormai lasciati alle spalle. Tuttavia, c’è chi non si è mai fermato nonostante l’emergenza, e continua, ora più che mai, a lavorare e produrre a pieno regime, come ad esempio il personale sanitario o altri settori in evoluzione relazionati specialmente con la tecnologia e la digitalizzazione.

È normale sentirsi bloccati in questa situazione?

In un momento talmente incerto come quello che stiamo vivendo, è più che comprensibile scoraggiarsi. Tuttavia, questa non è la strada da intraprendere, specialmente in momenti come questi, nei quali vi è bisogno di speranza, impegno e tanta determinazione!

Esci dalla tua comfort zone e non avere paura di nuove esperienze. Continua a coltivare la tua autostima, sii realista e lavora duro pensando alle tante opportunità che ti aspettano. Amplia i tuoi orizzonti, continua a studiare e a formarti e vedrai che presto sarai ricompensato!

Ringraziamo il Prof. Jorge per gli utili consigli in materia di ricerca del lavoro e auguriamo a tutti un grosso in bocca al lupo! 

LA PAROLA A LAURA: RIPRENDERE A STUDIARE DOPO UNA LUNGA PAUSA

charla-laura_IGLaura riprende a studiare e sceglie ILERNA

Ciao Onliners! Continuiamo a dare voce ai nostri alunni attraverso la rubrica “La parola agli studenti”.

Oggi è il turno di Laura Carraro, che è venuta a conoscenza del nostro corso di formazione grazie al suo datore di lavoro che ha studiato in Spagna. Laura ha deciso di rimettersi in gioco e riprendere a studiare dopo una lunga pausa. Qui di seguito vi lasciamo l’intervista a cui si è gentilmente prestata i giorni scorsi.

riprendere a studiare dopo una lunga pausa

1. Perché hai scelto ILERNA Online Italia?

Ho scelto ILERNA Online perché mi sembrava un’ottima soluzione dal momento che vivo e lavoro in Italia.

2. Come sei venuta a conoscenza della nostra scuola?

Sono venuta a conoscenza del vostro istituto grazie al mio datore di lavoro che ha studiato in Spagna.

3. Cosa ne pensi del metodo di studio ILERNA?

E’ un ottimo metodo, impegnativo ma molto valido per un adulto cinquantenne come me che ha deciso di riprendere a studiare dopo una lunga pausa!

4. Come vedi il tuo futuro a livello professionale?

Lo vedevo meraviglioso, una SVOLTA ALLA MIA VITA. Tuttavia, la recente notizia concernente la misura compensativa imposta dal Ministero della Salute italiano mi fa molto pensare e preoccupare. Confido in un abbassamento.

5. Quali credi che siano i nostri punti di forza?

I punti di forza di ILERNA sono l’estrema disponibilità a seguire e aiutare, sempre e subito, gli studenti per qualsiasi loro esigenza.

6. Consiglieresti il nostro istituto?

Si! Perché? Mi sono trovato molto bene.

7. Descrivi in tre parole la tua esperienza presso la nostra scuola.

In tre parole, definirei ILERNA come accogliente, professionale ed efficiente.

Ringraziamo Laura per il tempo dedicatoci e chiediamo lei di non smettere mai di sperare: il futuro riserva sempre grandi sorprese.

Se desiderate scoprire l’opinione di un’altra delle nostre alunne e venire a conoscenza delle opportunità professionali che ti si prospettano dopo ILERNA, non perderti l’intervista con Lucia cliccando al bottone sottostante:

LEGGI L’INTERVISTA

LUCIA E IL FUTURO PROFESSIONALE POST ILERNA

lucia_IGLucia e il dopo ILERNA

Nell’episodio di oggi, la protagonista sarà Lucia Schiavon. Tra le diverse tematiche trattate, parleremo di opportunità professionali.

Lucia, una delle nostre studentesse di igiene dentale e professionista del settore da ben 38 anni, ha iniziato il suo percorso con ILERNA nel 2018 e da allora è stato un susseguirsi di forte emozioni. Qui di seguito la intervista che ci ha da poco rilasciato.

futuro professionale Lucia

1. Perché hai scelto ILERNA Online Italia?

Lavoro in questo settore da tantissimi anni (38) e il desiderio sempre vivido di raggiungere il mio obiettivo mi ha portato a scegliere ILERNA Online. ILERNA mi ha offerto la possibilità di realizzarmi!

2. Come sei venuta a conoscenza della nostra scuola?

Per mia curiosità personale, un giorno navigando su Internet, cercavo scuole atte a realizzare il mio sogno e mi compare ILERNA Online. Pochi giorni a seguire, un’amica odontoiatra mi conferma nuovamente ILERNA e da qui la mia decisione di intraprendere il mio percorso scolastico con il vostro Istituto.

3. Cosa ne pensi del metodo di studio ILERNA?

Penso e credo che sia il metodo del futuro, anche grandi università del mondo si stanno ricredendo e propongono corsi online. Il metodo tradizionale impone agli studenti costi elevati e non tutti hanno talipossibilità economiche.
Inoltre, ILERNA permette la convivenza tra studio e lavoro. Binomio che mette a dura prova sia lo studente giovane sia lo studente maturo perché quest’ultimo sicuramente ha una famiglia con bambini, non certo trascurabili (in primis sempre la famiglia!).
ILERNA Online offre le conoscenze degli ottimi insegnanti che la costituiscono. Si distinguono per la loro capacità nel coinvolgere lo studente, la loro disponibilità nell’ascoltare le esigenze di ognuno e con un’enorme dose di pazienza, di risolvere eventuali dubbi o problemi.

Mi ritengo molto fortunata, ho avuto professori meravigliosi (Laura, Paula e Jorge), sempre presenti e pronti a darmi coraggio e sostegno.

4. Come vedi il tuo futuro professionale?

Vedo delle ottime possibilità di crescita professionale, ho già ricevuto due richieste di collaborazione con studi odontoiatrici e quindi appena finisco il mio percorso scolastico, finalmente potrò esprimere la passione per la mia futura professione.
Spero per tutti noi studenti che le Istituzioni competenti assieme ad ILERNA riconoscano i nostri molteplici sacrifici in modo concreto e più veloce possibile.

5. Quali credi che siano i nostri punti di forza?

In primis gli insegnanti! Poi la possibilità di studiare online con scadenze precise sulle consegne delle diverse attività ma allo stesso tempo auto-gestibili dagli studenti.

6. Consiglieresti il nostro istituto? Perché?

Sì certo!!! L’ho già consigliato a diverse persone, colleghe e non. Perché la mia esperienza con voi è stata, lo è, e sarà sempre vivida, piena di sensazioni uniche e forti emozioni.

7. Descrivi in tre parole la tua esperienza presso la nostra scuola.

Istruttiva, umana ed emozionante!

 

Ringraziamo Lucia per le emozionanti parole spese a favore di ILERNA, siamo certi che le opportunità professionali che ti si sono già presentate diventeranno una solida realtà una volta concluso il percorso con ILERNA.

Se siete curiosi di scoprire le opinioni di una delle nostre studentesse internazionali, non potete perdervi l’intervista rilasciata da Angela:

LEGGI L’INTERVISTA

 

LA PAROLA AD ANGELA: IMPRESSIONI DI UNA STUDENTESSA INTERNAZIONALE

angela_IGILERNA internazionale

Onliners! La nostra rubrica “La parola agli studenti” torna con il botto.

A ILERNA Online Italia si respira un’aria internazionale, e il nostro istituto di formazione professionale accoglie studenti da ogni dove. 

Oggi facciamo quattro chiacchiere con Angela Portillo Otero, una brillante studentessa internazionale che ha deciso di investire la sua carriera in igiene dentale qui in Italia. 

studentessa internazionale

1. Perché hai scelto ILERNA Online Italia?

Ho scelto ILERNA Online per la grande possibilità che offre di imparare e crescere a livello professionale. Uno dei tanti vantaggi dello studio presso ILERNA è la costanza con cui ti accompagnano durante l’intero percorso di studi.

2. Essendo una studentessa internazionale, come sei venuta a conoscenza della nostra scuola?

Quando ho deciso che volevo proseguire la mia formazione in igiene dentale, mi sono messa in contatto con alcune scuole che offrivano questa tipologia di corso. La mia situazione lavorativa non mi permette studiare con lezioni presenziali. Pertanto, contattai la HIDES, Federazione Spagnola di Igienisti Dentali, grazie alla quale venni a conoscenza del corso offerto da ILERNA.

3. Cosa ne pensi del metodo di studio ILERNA?

Il vostro metodo di studio permette di conciliare lavoro, studio e vita privata. Inoltre, non ti senti mai abbandonato, nonostante si tratti di un corso online. Grazie alle video lezioni e alle attività proposte durante il percorso, si riesce a mantenere un buon ritmo di studio e ad arrivare il giorno dell’esame con un’ottima preparazione. La divisione del corso in moduli consente di scegliere il carico di studio per ciascun semestre.

Le lezioni presenziali ti consentono di entrare a contatto con altri studenti che si trovano nella stessa situazione. Inoltre, sono molto utili per approfondire ulteriormente il materiale didattico.

4. Come vedi il tuo futuro a livello professionale?

Da sei anni lavoro in uno studio come assistente, mi sono appassionata e ho voluto crescere in questo settore. ILERNA Online lo rende possibile: tra poco spero di poter essere l’igienista dello studio dove lavoro.

5. Quali credi che siano i nostri punti di forza?

I vantaggi e punti di forza di ILERNA Online sono l’attenzione che tanto i professori come lo staff della scuola ti riservano sin dal primo momento. Anche se studi a distanza, non ti senti mai abbandonato, non solo durante l’intero percorso formativo ma anche al momento del riconoscimento del titolo in Italia.

Inoltre, considero favolosa la possibilità di studiare a tuo ritmo, potendo conciliare pertanto vita professionale e privata.

6. Consiglieresti il nostro istituto? Perché?

Nel caso in cui si fosse interessati a proseguire la propria formazione professionale in igiene dentale, in qualità di studentessa internazionale consiglierei assolutamente affidarsi a ILERNA Online per quanto ho esposto precedentemente.

Ringraziamo Angela per la fiducia riposta in ILERNA e auguriamo lei di poter realizzare presto il suo sogno nella Terra che rappresenta la sua seconda casa.

Se sei curioso di scoprire le opinioni di un’altra delle nostre studentesse e venire a conoscenza di maggiori dettagli circa il nostro metodo di studio online, clicca al bottone sottostante:

VOGLIO SAPERNE DI PIU’