Please assign a menu to the primary menu location under menu

Il Blog di ILERNA Online Italia

La Formazione Professionale su misura per te

igiene dentale

Nove consigli su come affrontare gli esami

consigli su come affrontare gli esamiConsigli su come affrontare gli esami

Onliners,  che ne dite di alcuni utili consigli su come affrontare gli esami?

In questo articolo, vi forniremo una serie di consigli per affrontare al meglio le prove che vi aspettano nel corso di questa settimana. 

Scopritene tutti i segreti nelle prossime righe. 

consigli su come affrontare gli esami

Cosa fare prima dell’esame 

Parlate con il professore

Durante il semestre, vi consigliamo di mantenere vivo il contatto con il professore. In caso di dubbi o domande, non rimuginate a lungo su quale potrebbe essere la risposta corretta: rivolgiti direttamente al professore attraverso Campus. Saranno a vostra completa disposizione e vi risponderanno in meno di 24 ore.

Lavorate sul materiale 

Per affrontare un esame al meglio, è fondamentale lavorare sul materiale che avete a disposizione. Mentre studi:

  • Organizzate gli appunti che avete raccolto durante la lezione: gli appunti sono una risorsa importante per organizzare il vostro studio. L’ideale sarebbe annotare tutte le parole chiave e i macro concetti più importanti menzionati dal professore, per poi approfondirli e ricercarli sui materiale che avete a disposizione su Campus;
  • Create delle mappe concettuali: fare schemi o creare mappe concettuali è un metodo efficace per ricordare con facilità le nozioni più importanti.

Non procrastinate

 Non rimandare a domani quello che potresti fare oggi. Prima di dare inizio a una buona sessione di studio, è importante fissare una tabella di marcia. Vi consigliamo di utilizzare un planner o creare un calendario con un semplice excel. Annotate le tasks che affronterete giorno per giorno, e ricordate: concedetevi una pausa ogni tanto, sarete molto più produttivi!

Concentratevi durante la sessione di studio 

Vi è mai successo di perdere la concentrazione durante una sessione di studio? Qui di seguito vi indichiamo alcuni consigli su come recuperarla: 

Se hai problemi a trovare la concentrazione nello studio, ti consigliamo di:

  • Ascoltate musica classica: diverse ricerche hanno dimostrato che la musica classica è in grado di agire positivamente sul nostro livello di concentrazione;
  • Concedetevi una pausa: talvolta è la stanchezza a giocare brutti scherzi e a farci perdere la retta via. Evitate sessioni di studio massacranti: concedetevi una una passeggiata all’aria aperta o 20 minuti della vostra serie preferita. Tuttavia, fissate un tempo specifico al vostro riposo: una piccola pausa non può trasformarsi in diverse ore di dolce far niente. 
  • Ritrovate la vostra motivazione: stress da prestazione o poca motivazione? Stabilite degli obiettivi e ritrovate la voglia di studiare pensando al vostro futuro professionale. 

Gestite lo stress

Imparare a gestire lo stress e le pressioni derivanti dal carico di studio è di fondamentale importanza per superare brillantemente la sessione d’esame.

Ci sono diverse tecniche per rilassarvi e abbandonare i pensieri negativi. Tra le tecniche migliori, l’Università Niccolò Cusano indica le seguenti: 

  • sedetevi sul divano o una poltrona  mantenendo la schiena dritta;
  • chiudete gli occhi e prestate attenzione a ciò che vi circonda: riuscirete a percepire rumori che prima  non avvertivate;
  • respirate profondamente e in modo naturale;
  • scansionate il vostro corpo e cercate di individuare quelle parti che avvertite come particolarmente tese. Tentate di sciogliere questa tensione nella vostra testa e ripetete a voi stessi di rilassarvi;
  • aprite gli occhi e affrontate la vostra giornata con tutta la positività che avete in corpo. 

 Svolgete la simulazione d’esame

Prima dell’esame ufficiale, i vostri professori caricheranno una simulazione d’esame in modo tale che possiate prendere atto di questa nuova modalità. Sottolineiamo che questa simulazione non ha alcun valore accademico  e costituisce una semplice prova per agevolarvi nel corso dell’esame ufficiale. 

Poco prima dell’esame 

Non guardate i social network 

L’avvento dei social network ha generato la cosiddetta FOMO (Fear Of Missing Out) ed è una nuova forma di ansia sociale che riguarda soprattutto i giovani. In parole povere, si tratta della paura di essere tagliati fuori: il pensiero costante che gli altri stanno facendo qualcosa di più interessante di noi e che ci stiamo perdendo quel qualcosa. Pertanto, vi consigliamo di evitare di visionare i vostri account prima dell’esame: potrebbero generare stress inutile.

Eliminate la caffeina

Il caffè può rivelarsi il peggior nemico in vista di un esame. Diversi studi dimostrano che oltre una certa soglia, la caffeina arriva a modificare la chimica del nostro cervello, creando una sorta di dipendenza.

Il nostro organismo diventa sempre più resistente alle sostanze presenti nel caffè, richiedendo una quantità sempre maggiore della bevanda per ottenere gli stessi effetti. Tuttavia, gli effetti negativi si accumulano nel tempo: ansia e nervoso sono i due nemici giurati dello studente sotto esami, ma sono le prime controindicazioni a farsi sentire. Può addirittura subentrare l’insonnia, a rendere ancora più difficile la fase di studio, e un senso di affaticamento

Durante l’esame 

Lavorate sull’esame

Gestire la prova nel modo giusto è importante per comunicare al professore tutto quello che hai studiato.

In particolar modo:

  • Leggete con attenzione le domande e organizzate nella vostra mente le risposte;
  • Gestite bene il tempo a disposizione per ciascuna domanda, in modo da poter rispondere a tutti i quesiti;
  • Prima di iniziare a scrivere, rileggete 2 o 3 volte le domande se necessario;
  • Rispondete  prima alle domande di cui siete sicuri della risposta e che attribuiscono un maggior punteggio;
  • Mantenete la calma  e cerca di riflettere per cercare una soluzione alla domanda di cui credete non conoscere la risposta.

 

 

Ricordate, Onliners! Qualora non doveste passare l’esame o non vi foste presentati, potrete ripeterlo nel corso della sessione straordinaria. Questi esami avranno luogo i giorni 12 e 13 febbraio, e saranno online. In tal caso, dovrete iscriverti agli esami della sessione straordinaria tramite la sezione “Iscrizioni” del Campus virtuale.

 

Per qualsiasi dubbio o domanda, non esitate a contattarci allo 02 82 94 49 45 o a scriverci a alunni@ilernaonline.it.

Veganismo e salute orale: miglioramento o peggioramento?

veganismo e salute oraleVeganismo e salute orale

Veganismo e salute orale: quali saranno gli effetti a livello dentale derivanti da un regime alimentare privo di proteine di origine animale?

Gennaio è sinonimo di veganismo grazie al movimento Veganuary, che dal 2014 promuove e educa sul veganismo spingendo la popolazione mondiale ad assumere un regime alimentare strettamente vegano. 

Oggi, secondo il Rapporto Eurispes 2020, la percentuale di vegetariani e vegani è dell’8,9%, un massimo storico per l’Italia, con un 2,2% di vegani.

veganismo e salute orale

Cosa vuol dire “vegano”? 

La parola “vegano” è originaria del secolo XIX , quando per prima volta si definirono “vegetariani totali” tutti coloro che evitavano il consumo di uova, latticini o che non facevano uso di animali per qualunque tipo di proposito

Il termine “vegano” venne coniato nel 1944 per conto di Donald Watson, fondatore della Vegan Society d’Inghilterra. Questa parola venne inserita all’interno del Dizionario di Oxford nel 1962. Come lo definiva? «Vegetariano che non consuma burro, uova, formaggio e latte».

Cos’è il veganismo?

Il veganismo viene definito della seguente forma:

“Il veganismo è uno stile di vita che cerca di evitare, per quanto sia possibile, tutte le forme di sfruttamento e crudeltà nei confronti degli animali, che si manifestano sottoforma di alimenti, capi d’abbigliamento, ecc.”

Inoltre, è bene sottolineare che la Giornata Mondiale del Veganismo si celebra il primo novembre di ogni anno dal 1994, anno in cui si commemora l’inaugurazione della Vegan Society

 Tipi di vegetariani e vegani

Vegetariano è colui che non assume né carne né pesce o prodotti contenenti questi alimenti.

Come indica A.I.R.O (Accademia Italiana Ricerca Orale), esistono differenti modelli alimentari vegetariani:

  1. Lacto-ovo-vegetariano: consuma cereali, verdura, frutta, legumi, semi, noci, latticini, uova ed esclude carne e pesce.
  2. Lacto-vegetariano: oltre a carne e pesce, non mangia uova.
  3. Vegano, vegetaliano o vegetariano integrale: è simile al modello lacto-vegetariano, con l’ulteriore esclusione di latticini ed altri prodotti di origine animale.

Esistono poi alcuni modelli definiti spesso vegetariani in maniera del tutto improprio

  1. La dieta macrobiotica: si basa sul consumo di cereali, legumi e verdura. A volte si utilizzano limitate quantità di pesce, e frutta, frutta secca e semi sono utilizzati in proporzioni ridotte.
  2. Dieta semivegetariana: coloro che assumono questo regime alimentare consumano occasionalmente carne, ma principalmente seguono una dieta vegetariana.

Veganismo e salute orale

Conseguenze positive 

Sapevate che il ridotto consumo di derivati animali e maggiore consumo di vegetali determina un miglioramento della salute orale?

I vegetariani e vegani tendono ad avere uno stile di vita più salutare:

  • non consumano né tabacco né alcool;
  • sono fisicamente più attivi.

Inoltre, i vegani assumono una quantità maggiore di antiossidanti grazie al grande consumo di frutta e verdura. Ciò migliora la risposta immunitaria nei processi infiammatori. I soggetti vegetariani e vegani presentano una migliore condizione a livello dei tessuti molli del cavo orale con minore incidenza di fenomeni infiammatori gengivali, e minore danno parodontale. 

Conseguenze negative

Tuttavia, vi sono altri studi che dimostrano che frutta, verdura e cereali favoriscono l’insorgere di carie e l’erosione dello smalto, con conseguenza sui tessuti duri del cavo orale.

Per quanto concerne le carie dentali, si tratta di fenomeni strettamente legati all’assunzione di carboidrati, contenuti nella frutta e nella verdura.  Gli zuccheri contenuti nella frutta (glucosio, fruttosio e saccarosio) possono essere fermentati in acidi dai batteri orali e quindi favorire l’insorgere delle carie.

L’erosione dentale, invece, viene definita come la perdita di tessuto duro causato da acidi estrinseci o intrinseci tra cui fattori chimici, e biologi. Le sue cause principali? 

  • Consumo frequente di alimenti acidi quali frutta e verdura.
  • Reflusso gastrico

L’acido degli alimenti e delle bevande possono portare alla demineralizzazione dei tessuti dentali, caratterizzata da una dissoluzione superficiale dei cristallini dello smalto seguito da una continua dissoluzione degli strati più profondi. Nel caso in cui la distruzione erosiva non venisse fermata, si può incorrere nell’esposizione della dentina. 

Tuttavia, la letteratura scientifica non ha prodotto studi certi riguardo l’associazione tra regime alimentare vegano e l’insorgenza di carie o di erosione.  

Infine, è bene ricordare che una dieta vegana non correttamente bilanciata comporta un maggior rischio per la salute dei denti. Come ricorda il Dott. Jacopo Gualtieri, odontoiatra dell’EAO (European Association for Osseointegration), ciò dipende in gran parte da un deficit di calcio e vitamine B, D e B12, a cui deve far fronte chi elimina dalla propria dieta i prodotti di origine animale, e da una maggiore presenza di sostanze cariogeniche, come zuccheri e acidi, negli alimenti vegetariani.

 

 Vuoi intraprendere la carriera di igienista dentale con un  corso di alta qualità ad accesso libero? Unisciti alla famiglia di ILERNA Online Italia. Per maggiori informazioni, consulta il link sttostante:

MAGGIORI INFO SUL CORSO

Scopri che sorpresa si nasconde nel Calendario dell’avvento di ILERNA Online Italia

Calendario dell'avventoCalendario dell'Avvento di ILERNA Online Italia

Scopri cosa si nasconde nel Calendario dell’avvento di ILERNA Online Italia!

Natale è dietro l’angolo e abbiamo pensato farvi tornare bambini con una super sorpresa. Vi ricordate quando arrivava dicembre e non vedevate l’ora di catapultarvi giù dal letto per andare ad aprire la casella del Calendario dell’Avvento?

Le nostre caselle non nascondono cioccolatini, ma si tratta comunque di dolci sorprese. 

Nelle prossime righe, vi spiegheremo come prendere parte a questo mese ricco di promozioni

Calendario dell'avvento di ILERNA Online Italia

Come partecipare al Calendario dell’Avvento di ILERNA Online Italia

A partire dall’1 dicembre fino al 25 dicembre, rimarrà attiva questa super promozione firmata ILERNA Online Italia. Grazie al nostro Calendario dell’Avvento, potrete usufruire di sconti e offerte giornalieri sul nostro Corso di igiene dentale

Qui di seguito vi spieghiamo come funziona: 

  1. Accedete al Calendario dell’Avvento di ILERNA Online Italia.
  2. Premete la casella corrispondente a quel determinato giorno, per poter vedere l’offerta che si nasconde al suo interno.
  3. Accedete al Corso di igiene dentale cliccando su “Vedi corso”.
  4. Aggiungete al carrello il prodotto menzionato nella casella.
  5. Prima di procedere con il pagamento, inserite il codice indicato nella casella scoperta.
  6. Ed è fatta: vi verrà applicato automaticamente lo sconto sull’importo totale del vostro acquisto. 

Ricordate che ciascuna offerta ha valore giornaliero: passata la data corrispondente, l’offerta cesserà di essere attiva.

CONSULTA IL CALENDARIO

 Sconti relativi al materiale didattico cartaceo

Alcune caselle contengono sconti relativi al materiale didattico cartaceo. In tal caso, potete selezionare quanti libri desideriate. Lo sconto verrà applicato sull’importo totale dei libri selezionati. 

Promozione Pagantis 

All’interno del Calendario dell’Avvento, si nasconde anche la finanziazione a interesse zero di Pagantis. Vi state chiedendo come poter usufruire di questa promozione e rateizzare il pagamento del vostro Corso di igiene dentale? 

Di seguito vi spieghiamo come scegliere questo metodo di pagamento.

  • Accedete al sito web di ILERNA Online Italia e selezionate il corso di igiene dentale.
  • Una volta dentro,aggiungete al carrello le materie che desiderate acquistare e procedete al pagamento.
  • Per poter usufruire del finanziamento a interesse zero, dovrete cliccare sul metodo di pagamento Pagantis. A questo punto, si aprirà una nuova finestra dove dovrete indicare il numero di rate 
  • Una volta scelto il numero di rate, inserite i dati che vi verranno richiesti.
  • Terminato il processo di pagamento, riceverete un’email dall’istituto di pagamento Pagantis che vi chiederà la documentazione necessaria per attivare il finanziamento

Ricordate:

  • Per procedere al finanziamento vi verrà richiesta una foto del vostro documento d’identità o passaporto.
  • La carta con la quale verrà erogato il finanziamento dovrà essere assegnata ad un conto corrente italiano.
  • Non si accettano carte di credito prepagate.

In quest’anno così particolare, pieno di innumerevoli sfide, desideriamo esservi d’appoggio come possibile.

E come diceva Dickens:

“Fa bene a momenti tornar bambini, e più che mai a Natale”. 

Non lasciatevi sfuggire il BLACK FRIDAY di ILERNA Online Italia!

Opengraph_ITTorna il Black Friday di ILERNA Online Italia

Il Black Friday atterra a ILERNA Online Italia!

Il centro leader del mercato della formazione professionale torna con una super offerta.  Nelle prossime righe, vi spiegheremo come poter usufruire di uno sconto pari a 100€ sull’acquisto dei moduli del nostro corso di igiene dentale

Sappiamo che lo stavate aspettando con trepidante attesa…torna il Black Friday di ILERNA Online Italia

 Black Friday di ILERNA Online Italia

Torna il Black Friday firmato ILERNA Online Italia

Sicuramente avete già preparato una lunga wish list con tutto ciò che desiderate acquistare in questa data tanto attesa ma…che ne dite di investire in formazione per affrontare al meglio il mercato del lavoro? Per tale motivo, ILERNA Online Italia lancia il suo Black Friday con ben due giorni di anticipo! A partire dal 25 novembre sino al 27 novembre, potrete usufruire di un incredibile sconto pari a 100€ sull’acquisto di almeno due moduli del nostro corso di igiene dentale

Nel caso in cui vi siate già iscritti per il semestre che avrà inzio a febbraio, potrete godere di tale sconto sull’acquisto dei moduli che non avete ancora sostenuto. E se non siete ancora nostri alunni ma state pensando di dare una svolta alla vostra carriera…adesso è il momento! Qui si seguito vi spieghiamo come procedere.

Offerta attiva i giorni 25, 26 e 27 novembre  

Avete a vostra disposizione tre giorni interi per godere dell’offerta Black Friday firmata ILERNA Online Italia! La promozione rimarrà attiva dal 25 al 27 novembre 2020, non ve la potete lasciar sfuggire! Godere dello sconto pari a 100€ sull’acquisto dei moduli del nostro Corso di formazione in igiene dentale è facile come bere un bicchier d’acqua: 

  1. Accedete al sito web di ILERNA Online Italia, e create un account nel caso in cui non lo abbiate ancora fatto. 
  2. Selezionate il Corso di igiene dentale
  3. Aggiungete al carrello almeno due moduli
  4. Prima di procedere con il pagamento, inserite il codice sconto “BLACKFRIDAY100″. Automaticamente vi verrà applicato lo sconto pari a 100€ sull’importo totale del vostro acquisto

* Vi ricordiamo che lo sconto ha valore solo sull’acquisto dei moduli del Corso di igiene dentale e non è applicabile sul materiale didattico o altri servizi offerti dal nostro istituto. Inoltre, sarà possibile usufruire dell’offerta una sola volta per alunno. 

Ottieni uno sconto pari a 120€ su Instagram 

Il giorno 27 novembre organizzeremo un divertentissimo quiz su Instagram. Prestate attenzione alle nostre stories: varrà la pena svegliarsi alle prima luci dell’alba.

Siete curiosi di scoprire come poter ottenere uno sconto pari a 120€? Nelle prossime righe vi spiegheremo come fare:

Step da seguire

Ogni ora saranno attivi 3 coupon del valore di 120€. Per poterne usufruire, ti basterà seguire i seguenti step:

  1. Presta attenzione alle Instagram stories di ILERNA Online Italia.
  2. Ogni ora verrà pubblicata una domanda. La risposta corretta corrisponde al codice sconto che dovrete inserire prima di completare il pagamento.
  3. Non risponderci su Instagram, non è necessario. 
  4. Per poter usufruire dello sconto pari a 120€, inserisci la risposta nella sezione codice sconto: in caso di risposta corretta, il codice ti verrà applicato direttamente; in caso di risposta errata o se il coupon è già stato utilizzato, il sistema non accetterà la risposta che hai inserito.

E non è finita qui: alle ore 9:00 e alle ore 11:00 verranno pubblicate due domande di cui si premierà l’originalità. In tal caso, dovrai rispondere allo “sticker domanda” che pubblicheremo nelle storie di Instagram. Pensaci bene: saranno le tre risposte più creative a portarsi a casa il bottino

Nel corso della mattinata, saranno 18 i coupon del valore di 120€ ad essere donati agli Onliners più veloci: vuoi essere uno di loro? 

Iscriviti adesso e dai una svolta alla tua carriera a partire da febbraio

Desiderate dare una svolta alla vostra carriera in igiene dentale ma non sapete come? ILERNA Online Italia, centro di formazione leader del mercato della formazione professionale, offre un corso di igiene dentale ad accesso libero e rilasciante un titolo 100% riconoscibile in Italia. Se vi siete lasciati sfuggire la possibilità di iscrivervi a settembre, non vi preoccupate! A ILERNA avrete la possibilità di dare inizio a un nuovo emozionante semestre a partire da febbraio! Iscrivetevi adesso, beneficiate di un incredibile sconto pari a 100€ e date inizio alla vostra formazione nel 2021. 

Chi diceva che studiare e lavorare allo stesso tempo è impossibile? Scegliete ILERNA, il centro di formazione professionale online numero uno, e conciliate vita privata, studio e lavoro in modo efficace. 

Non lasciatevi sfuggire il Black Friday di ILERNA Online Italia!

ISCRIVITI A ILERNA ONLINE

 

VIVIBIOTIC: COLLUTTORIO E DENTIFRICIO PROBIOTICI

Francesca-Cavaleri_squareVivibiotic: colluttorio e dentifricio probiotici

ILERNA Online Italia vi presenta un’altra incredibile figura professionale del mondo dell’igiene dentale. Tempo fa abbiamo avuto l’onore di fare quattro chiacchiere con Francesca Cavaleri, farmacista e imprenditrice dalle mille risorse, che ha appena lanciato due prodotti all’avanguardia per l’igiene orale

Francesca è laureata in CTF e per circa vent’anni ha lavorato come farmacista. Durante gli anni,  ha notato che il reparto oral care da un lato viene sempre trascurato, e dall’altro i clienti fanno un utilizzo incondizionato di prodotti a base di clorexidina inizialmente consigliata dal dentista e igienista ma che continuano ad acquistare anche per tempi prolungati.  Inoltre, ha osservato che a pazienti in terapia farmacologica per hp non veniva mai consigliata un’igiene dentale né tantomeno un collutorio utile.

Unendo queste osservazioni e il suo amore per i probiotici che studia da diversi anni, ha pensato di formulare questa linea di prodotti consistente in un colluttorio e dentifricio probioticiPer Francesca era giunto il momento di tirare fuori il sogno dal cassetto, un sogno che vi presentiamo nelle prossime righe.

Colluttorio e dentifricio probiotici

Prodotti Vivibiotic: colluttorio e dentifricio probiotici

Come cita il loro motto, i prodotti di Vivibiotic sono fabbricati in Italia con cuore, testa e gioia. Si tratta di formulazioni naturali con probiotici

Il riequilibrio della microflora del cavo orale che deriva dall’utilizzo quotidiano di un collutorio e un dentifricio a base di probiotici, può diminuire i rischi dell’insorgenza di nuove carie o di infiammazione parodontale.

Colluttorio 

colluttorio vivibiotic

Descrizione prodotto

Il colluttorio di Vivibiotic si presenta come un liquido incolore con aroma caratteristico. È in grado di proteggere le difese naturali del cavo orale, coadiuvante nell’azione antinfiammatoria sulle gengive e nella prevenzione della placca, nella prevenzione dell’alitosi. Questo colluttorio può essere impiegato sia per l’igiene dei denti che del cavo orale. 

Vantaggi

Qui di seguito alcuni dei suoi principali vantaggi

  • protegge naturalmente denti e gengive: dona sollievo alle gengive irritate e attenua i problemi di alitosi;
  • è ricco di probiotici selezionati, acido jaluronico e mastice di chios;
  • non contiene alcool.
Modo d’uso

Per quanto concerne il suo modo d’uso, basterà fare un risciacquo di 1 minuto con ca 10 ml di prodotto non diluito. È consigliato impiegare il prodotto 2 volte al giorno dopo la normale igiene orale

Dentifricio

dentifricio vivibiotic

Descrizione prodotto

Il dentifricio di Vivibiotic si presenta sotto forma di pasta di colore nero, coadiuvante nel mantenimento del microbiota orale, nella prevenzione della formazione della placca e aiuta la remineralizzazione dei denti. Contiene carbone attivo, l. coagulans, mastice di chios, lisozima, idrossiapatite 

Vantaggi

Il suo vantaggio principale? Potenzia le difese naturali della cavità orale

Modo d’uso

Gli esperti di Vivibiotic consigliano di lavarsi i denti almeno due volte al giorno spazzolando accuratamente le arcate dentali per due minuti. Per bambini al di sotto dei 6 anni d’età, è raccomandabile utilizzare una piccola quantità di dentifricio sotto la supervisione di un adulto per minimizzare l’ingestione. 

 

Trattandosi di una linea di prodotti appena lanciata sul mercato, immaginiamo che ciò generi diversi dubbi riguardo un suo potenziale acquisto. Tuttavia, sono già diverse le testimonianze positive raccolte riguardo il colluttorio e il dentifricio Vivibiotic. Ve ne lasciamo alcune nelle righe sottostanti: 


 

“Da studentesse di igiene dentale, ci siamo subito lasciate incuriosire da questa nuova linea di prodotti Vivibiotic per il contenuto di probiotici. In particolare il Lactobacillus Coagulans che troviamo all’interno è utile al nostro cavo orale per mantenere un sano equilibrio fra i microorganismi e favorirne quindi uno stato di salute se coordinato ad un’adeguata igiene orale domiciliare.

Certamente interessante anche la presenza di Mastice di Chios che, dalla letteratura, risulta essere efficacia contro Helicobacter pylori, organismo presente sia nello stomaco che nel cavo orale di alcune persone affette da gastrite. Abbiamo quindi deciso di incentrare la nostra tesi di laurea su questi prodotti traendone una sperimentazione molto interessante. Siamo curiose di provarli al più presto”. 

-Matilde ed Eleonora-

 


 

“Ho conosciuto questo prodotto tramite Instagram, un canale necessario per il mio lavoro. Vivendo in un piccolo paese della Sardegna riesco a tenermi sempre aggiornata e a conoscere le novità tramite i social. Ho utilizzato per una settimana il collutorio, due volte al giorno senza avere nessun effetto collaterale!

Come professionista credo molto nell’utilizzo dei probiotici, contenta di questa scoperta inizierò ad usare questo presidio nella mio lavoro. Ringrazio la responsabile per avermi dato la possibilità di provare questi prodotti!”

-Stefania-

 


 

“Già dopo pochi giorni, ho notato una notevole differenza nella pulizia e nella freschezza della bocca. Il collutorio è delicato e meno aggressivo di quelli in commercio”

-Pharma advice-

 


 

Nel caso in cui foste interessati all’acquisto dei prodotti di Vivibiotic, ci è stato fornito uno sconto del 10% sull’intera linea di prodotti introducendo il seguente codice su www.vivibiotic.it: ilernaonline10.

 

Per maggiori informazioni, dai un’occhiata al loro sito cliccando al bottone sottostante: 

VISITA IL SITO WEB

 

Come prevenire il diabete dal dentista

diabete blogCome prevenire il diabete dal dentista

Sapevate che esiste una stretta correlazione tra i problemi del cavo orale e il diabete di tipo 2?

Grazie a visite periodiche di controllo dal dentista, è possibile prevenire questo tipo di patologia tramite l’individuazione di diversi fattori di rischio. Il medico potrà orientare precocemente il paziente potenzialmente affetto dalla malattia, prima che questa si manifesti o si aggravi. 

Come prevenire il diabete dal dentista

Diabete di tipo 2

Secondo quanto indicato da MedLine Plus, si tratta di una patologia cronica in cui il paziente presenta un alto livello di zucchero (glucosio) nel sangue. Il tipo 2 è la forma più comune di diabete.

Cause del diabete di tipo 2

L’insulina è un ormone prodotto nel pancreas da parte di cellule speciali, chiamate Beta. Il pancreas si trova sotto e dietro allo stomaco. L’insulina è necessaria per muovere il glucosio nel sangue fino alle cellule. Lo zucchero si accumula all’interno delle cellule e si utilizza posteriormente come fonte di energia. 

In caso di diabete 2, gli adopociti, gli epaciti e le cellule muscolari non rispondono in maniera corretta all’insulina. Tale atto viene denominato “insulino resistenza”. Come conseguenza di ciò, il glucosio presente nel sangue non entra nelle cellule.

Quando lo zucchero non può entrare nelle cellule, si accumula un livello elevato di glucosio nel sangue, denominato iperglicemia. Il corpo è incapace di utilizzare il glucosio come fonte di energia. Tutto ciò si traduce in sintomi del diabete di tipo 2.  

In generale, il diabete di tipo 2 si sviluppa lentamente nel tempo. La maggior parte di coloro che presentano questa patologia soffrono di sovrappeso o obesità al momento della diagnosi.  L’incremento del livello di grasso rende complicato l’uso dell’insulina da parte del corpo. 

Tuttavia, il diabete di tipo 2 può presentarsi anche in pazienti senza sovrappeso o obesità. Inoltre, è più comune negli adulti. 

Gli antecedenti familiari e i geni giocano un ruolo fondamentale. Un basso livello di attività fisica, una dieta poco salutare e un eccessivo peso corporeo sui fianchi aumentano il rischio di diabete 2.

Spie d’allarme 

Alcune spie d’allarme che indicano l’insorgere del diabete di tipo 2 sono le seguenti: 

  • familiarità per patologia diabetica;
  • individui affetti da obesità o coloro che sono in sovrappeso;
  • ipertensione arteriosa;
  • dislipidemia, ovvero chi soffre di livelli elevati di grassi nel sangue;
  • donne che hanno partorito un bambino con un peso superiore ai quattro chili.

Diabete e denti 

Gengivite  

Il diabete impedisce alla saliva di svolgere la sua azione protettiva di denti e gengive.

Como conseguenza, l’eccessivo accumulo di placca porta a un’infiammazione delle gengive definita gengivite. Con il tempo, se trascurata, la gengivite può portare all’insorgere della parodontite, una vera e propria patologia che colpisce i tessuti del cavo orale, intacca l’osso fino alla perdita dei denti. 

L’infiammazione causata dalla parodontite crea problemi all’azione dell’insulina in coloro che sono affetti da diabete. Ciò può provocare difficoltà nel controllo glicemico.

Il diabete può avere conseguenze sull’infiammazione, reagendo più lentamente all’attacco di batteri presenti nella placca. Ne conseguono lunghi tempi di guarigione nella fase iniziale dell’infiammazione, e ancor più lunghi in caso di parodontite grave.

Parodontite 

La parodontite è in grado di ostacolare il controllo dell’iperglicemia: nelle tasche parodontali, avranno luogo diverse infezioni croniche che attiveranno una serie di eventi che generano una situazione di resistenza all’insulina.

Per evitare che ciò avvenga, è bene prestare particolare attenzione alla propria igiene orale:

  • lavarsi i denti dopo ogni pasto;
  • passare il filo interdentale
  • fare attenzione a eventuali sanguinamenti gengivali;
  • eseguire frequenti controlli dal proprio dentista di fiducia.

Nei soggetti che soffrono di diabete, è più alta la probabilità di perdere uno o più denti perché diventano meno stabili e rischiano di cadere. 

diabete e parodontite

Chirurgia orale

Nel caso in cui un paziente diabetico debba sottoporsi a un intervento di chirurgia orale, come estrazioni dentali o implantologia, si consiglia di ricorrere a terapie antibiotiche per rinforzare le proprie difese immunitarie.

Inoltre, a causa di alterazioni della circolazione del sangue, nei diabetici le ferite impiegano più tempo a rimarginarsi. 

 

Qualora desideriate approfondire le vostre conoscenze in materia di malattie parodontali,  vi invitiamo a dare un’occhiata al seguente articolo della nostra professoressa Laura Alarcón:

LEGGI L’ARTICOLO

 

COME TROVARE LA MOTIVAZIONE PER STUDIARE

studioCome trovare la motivazione per studiare

Vi state chiedendo come trovare la motivazione per studiare? 

Il semestre ha avuto inizio il 30 settembre e sappiamo che molti di voi si sono già immersi appieno nello studio. Siamo coscienti di quanto sia difficile mantenere la concentrazione dopo una dura giornata di lavoro.  Per quanto la passione per questa disciplina vi porti a muovere mari e monti, torniamo a casa stanchi e stremati dalle mille incombenze e l’ultima cosa che vorremmo fare è aprire un libro di igiene dentale.

Qui di seguito vi presentiamo una lista di consigli da seguire per ritrovare la motivazione per studiare.

come trovare la motivazione per studiare

Trova un posto tranquillo

Trovare un posto tranquillo è la chiave per portare a termine una buona sessione di studio. Molti ritengono utile allontanarsi dalla propria casa e optare per una biblioteca o cyber café (bè, per lo meno questo prima dell’arrivo del Covid-19). Vi consigliamo di eliminare tutte le distrazioni, che siano televisore, cellulare, tablet e computer (nel caso in cui non ne avessi bisogno per studiare) e preparare una scrivania a prova di studio. Metti nello zaino tutto ciò che ti occorre: libri, penne, matite ed evidenziatori. E perché no, invita il tuo amico a quattro zampe a farti compagnia durante le ore di studio, accarezzare la loro morbida pelliccia ti aiuterà a rilassarti.

Tieni al tuo fianco snack e acqua

 Si tende essere più produttivi quando si è idratati e pieni di energia. Ti consigliamo di optare per frutta fresca/secca o una barretta di cereali

Evita i cibi grassi e i dolci: pizza, ciambelle, muffin… Creeranno una scarica di energia che si convertirà rapidamente in sonnolenza.

Non studiare sul letto

Ciascuna azione o abitudine ha un suo luogo specifico. Il letto e il divano non sono di certo i posti più appropriati per svolgere una sessione di studio a pieno ritmo. Opta per la comodità ma senza esagerare.

Indossa vestiti comodi

Studiare con indosso un paio di jeans alla moda, stretti al punto tale da stringerti sulla pancia, non è di certo la migliore opzione. Scegli vestiti comodi che non ti arrechino nessun  tipo di fastidio. 

Imposta il cellulare in modalità silenziosa

Avverti i tuoi amici e i tuoi famigliari che ti aspetta una sessione di studio intensa e che pertanto evitino di mandarti messaggi qualora non fosse urgente. e ricordati: niente social media! Se necessario, spegni il cellulare o allontanalo dalla tua postazione di studio. 

Spegni il computer 

Qualora non ne avessi bisogno per questioni di studio, spegni la scatola magica in grado di risucchiare tutta la tua concentrazione. Capita spesso di dire “Controllo velocemente le e-mail” o “Leggo solo questo post e chiudo tutto”, finendo con lo sprecare un’ora intera.

Alcuni consigli?

  • Stampa le informazioni che ti servono prima di metterti a studiare e poi spegnilo. Non ne sarai tentato.
  • Se hai bisogno di usare solo Word per prendere appunti o fare schemi, togli temporaneamente la connessione a internet.

Stabilisci obiettivi concreti per ogni sessione di studio

Stabilisci obiettivi concreti e raggiungibili, non generici e astratti. Non si tratta di dire: “Devo diventare bravo in fisiopatologia generale”, ma di procedere un obiettivo alla volta, come imparare un determinato protocollo sanitario o saper svolgere una procedura nello specifico. 

Una volta che lo avrai raggiunto, ti sentirai più ottimista e potrai dedicarti a un altro.

Ricompensati quando raggiungi un traguardo 

A volte riposare può giovare alla tua salute mentale: concediti una piccola pausa facendo una breve passeggiata, ascoltando la tua canzone preferita o facendo merenda con un piccolo snack. Tuttavia, ricorda che dopo la pausa, ti toccherà tornare sui libri: stabilisci un tempo di riposo e rispettalo. Se è necessario, imposta una sveglia sul tuo cellulare. 

Organizza un programma di studio 

Avere un programma di studio aiuta a porsi obiettivi e avere la certezza di terminare di studiare prima della fatidica data dell’esame.

Potete organizzare il vostro calendario in maniera analogica utilizzando una semplice agenda, o online attraverso vari programmi ampiamente diffusi. Consigliamo di creare un calendario utilizzando un foglio excel su Google Drive e aggiornarlo di volta in volta. Un altro ottimo metodo è creare una to do list con Todoist, un’applicazione web, smartphone e desktop per organizzare le attività quotidiane, dal lavoro al tempo libero. 

Un’altra applicazione piuttosto conosciuta è Notion, un programma completo di database, kanban board, wiki, calendario e promemoria.

Ora che avete letto i consigli sopra citati, non vi basterà far altro che metterli in pratica.

Avete mai sentito parlare di blended learning? Date un ‘occhiata al seguente articolo per conoscere tutti i segreti

LEGGI L’ARTICOLO

 

LE DIFFERENZE TRA L’AMBIENTE ODONTOIATRA SPAGNOLO E ITALIANO SECONDO ISABEL MORAZA MERINO

charla-isabel_IGL'odontoiatria tra Italia e Spagna

Vi siete mai chiesti quali sono le principali differenze tra l’ambiente odontoiatra spagnolo e quello italiano?  Scopriamolo assieme alla Dottoressa Isabel Moraza Merino.

Settimane fa abbiamo avuto l’onore di raccogliere la preziosa testimonianza della Dottoressa Isabel Moraza Merino, da anni attiva sul suolo italiano, riguardo i principali aspetti che differenziano l’ambiente odontoiatra spagnolo da quello italiano. Inoltre, abbiamo discusso delle conseguenze portate dal Covid-19 sul settore sanitario iberico e italico. 

odontoiatra

Isabel Moraza Merino possiede una Laurea in Odontoiatria e Protesi dentaria, conseguita presso l’università di Siviglia. Dal 2010 esercita da libera professionista  in strutture private a Roma come odontoiatra generica. Inoltre, dal 2015 collabora con l’ospedale odontoiatrico “George Eastman” nel reparto di chirurgia, protesi e parodontologia diretto dal Prof. Luca Cordaro.

La Dott.ssa Merino è membro dell’ITI (International Team for Implantology) e traduttrice di articoli scientifici dall’italiano allo spagnolo, pubblicati nella Revista del Colegio de Higienistas Dentales di Madrid.


 

Qui di seguito vi lasciamo l’intervista che ci ha gentilmente rilasciato:

1. Ci può raccontare in dettaglio il percorso di studi da Lei intrapreso in Spagna?

Dopo aver conseguito il diploma di maturità in Scienze della Salute nella mia città natale, mi sono trasferita nel sud della Spagna dove mi sono laureata in odontoiatria presso l’Università di Siviglia. Ai tempi dell’università, lavorai per una prestigiosa clinica odontoiatrica a Siviglia e ho assistito un professore della mia facoltà nel suo studio. Pertanto, dopo aver conseguito il diploma universitario, possedevo già un certo livello di conoscenza del lavoro e di come gestire una clinica odontoiatrica. Inoltre, mi sono tenuta aggiornata frequentando diversi corsi e convegni.

2. Che differenze nota con il sistema educativo italiano? 

La differenza principale riguarda lo stage: mentre in Spagna lo si fa dal secondo anno di laurea (nel mio caso con tema “introduzione alla clinica odontoiatrica”) ​​e si approfondiscono durante il quarto e il quinto anno (quasi interamente a livello pratico), in Italia gli studenti terminano il percorso senza aver potuto esercitare la professione, il che comporta un ritardo nell’accesso al mercato del lavoro, che si riflette in un maggiore impegno da parte del neolaureato. Tuttavia, ritengo che il grande sforzo a livello teorico richiesto agli studenti italiani sforna professionisti di grande eccellenza, come avviene nell’odontoiatria italiana.

3. Ha dovuto procedere con l’omologazione del suo titolo per poter esercitare in Italia? Se sì, si è trattato di un processo complicato?

Sì, ho iniziato tutto l’iter burocratico mesi prima di trasferirmi in Italia, e devo dire che è stato abbastanza semplice: consisteva principalmente in un documento del Ministero della Salute che riconosceva la possibilità di esercitare in Italia, il cosiddetto “good standing”, un certificato che garantiva la mia buona reputazione come odontoiatra e pertanto la possibilità di svolgere la mia professione nel “Bel Paese”; il mio certificato accademico personale; e infine in un dettato del Collegio dei dentisti di Roma per dimostrare la mia padronanza della lingua italiana.

4. Ritiene giusto quanto dettato dalla Direttiva Europea 2005/36/CE concernente il riconoscimento del titolo di studi esteri? Cosa pensa delle misure compensative imposte dal Ministero della Salute italiano per concedere l’abilitazione professionale a coloro che provengono da un percorso di studi estero?

Ritengo che sia giusto poter esercitare in qualsiasi Paese della CEE purché siano soddisfatti il ​​livello accademico necessario e i vari requisiti. Sinceramente, non so se negli ultimi anni (ho omologato il mio titolo di laurea 10 anni fa) l’iter di omologazione si è fatto più complicato.

5. Cosa l’ha portata a vivere e lavorare in Italia? 

Anche se suona molto romantico, l’ho fatto per la persona che attualmente è mio marito:  ai suoi tempi ho lasciato tutto per amore. In quel momento, lavoravo in una clinica odontoiatrica dove mi trovavo molto a mio agio, ma nonostante ciò, salutai la mia famiglia e gli amici per ricominciare tutto da zero qui in Italia.

6. Ha riscontrato delle difficoltà in ambito lavorativo provenendo da un percorso di studi straniero? (si intende sia a livello professionale che personale)

A livello formativo, mi sono sentita molto amata come spagnola dagli italiani. Tuttavia, senza alcun tipo di contatto, non è assolutamente facile ricevere proposte di lavoro, e nel caso in cui ciò avvenisse, si tratta di posizioni con un livello di responsabilità inferiore. Inoltre, c’è da sottolineare che in Italia finiscono l’università un anno dopo rispetto alla Spagna e senza aver avuto la possibilità di prendere parte a uno stage formativo. Insomma, l’iter per ottenere una posizione di un certo livello è alquanto lungo e faticoso.

7. Che differenze nota tra l’ambiente odontoiatra spagnolo e quello italiano? 

 Il profilo del dentista medio nei due Paesi è alquanto diverso: mentre in Spagna si tratta di una giovane donna (l’anno in cui mi sono laureata io, l’80% di noi erano ragazze), in Italia è quello di un uomo sulla sessantina, soprattutto in ambiti come la chirurgia orale. Ricordo ancora la prima volta che frequentai un corso presso il Collegio dei Dentisti di Roma, questo aspetto attirò molto la mia attenzione.

8. Se dovesse individuare un aspetto dell’ambiente odontoiatra spagnolo che Le piacerebbe portare in Italia, quale sarebbe? E uno italiano che manca in Spagna? 

Credo che l’ambiente odontoiatrico in Spagna sia meno competitivo; tra i professionisti c’è più cameratismo senza necessità di dimostrare che tu sia il migliore. D’altro canto in Italia, mi piace l’atteggiamento del paziente nei confronti del professionista, dal momento che si rivolgono a lui con più rispetto e si affidano alla clinica odontoiatrica tradizionale, tralasciando la fiducia nei numerosi franchising che sono emersi in questi ultimi tempi e che, fortunatamente, stanno perdendo poco a poco posizioni nel mercato del lavoro.

9. E ora passiamo all’argomento che è sulla bocca di tutti: coronavirus ed economia. Ha avuto notizia dai suoi colleghi spagnoli circa l’impatto del coronavirus sul settore dell’odontoiatria?

In Spagna l’impatto sull’economia in generale e sui consumi da parte del paziente è stato notevole. Nel mio caso, invece, in Italia i mesi successivi alla quarantena forzata sono stati positivi, con grande richiesta da parte del paziente di trattamenti odontoiatrici quali il ridimensionamento o il conservatore dentale. Si spera che questa tendenza continui così, e che finalmente il paziente comprenda l’importanza di avere una buona salute orale e del suo impatto a livello generale.

10. Se dovesse descrivere in poche parole il mondo post-covid, come sarebbe? 

Un mondo basato sulla scienza e governato da regole. e valorizzando l’importanza della prevenzione nella salute e nel nostro caso nella salute dentale.

Ringraziamo la Dott.ssa Merino per averci reso note le sue opinioni e aver fornito un quadro piuttosto dettagliato sulle principali differenze che caratterizzano Italia e Spagna in ambito odontoiatrico. 

Il filo rosso che le accomuna? L’importanza della prevenzione sul fronte sanitario

GIORNATA MONDIALE DELL’ORTODONZIA: BENEFICI E TIPOLOGIE

ortodonziaGiornata mondiale dell'ortodonzia

In occasione della giornata mondiale dell’ortodonzia, vogliamo approfondire questa tematica a molti sconosciuta. L’ortodonzia è quella branca dell’odontoiatria che corregge la posizione errata di denti e mandibole. Sappiamo quanto sia difficile mantenere puliti i denti storti e quanto questo possa causare carie o eventuali malattie parodontali. Altre conseguenze derivanti da una posizione errata di denti e mandibole sono: 

  • ulteriore stress ai muscoli della masticazione, che provoca mal di testa;
  • disturbi dell’articolazione temporomandibolare (ATM); 
  • dolore al collo, alla schiena e alle spalle. 

I denti storti e non posizionati correttamente sono anche poco piacevoli dal punto di vista estetico.

cos'è l'ortodonzia

Indice

Quando ricorrere all’ortodonzia

Ora che sappiamo di cosa si tratta, è arrivata l’ora di indicare i casi in cui è necessario ricorrere a questa branca dell’odontoiatria

  • Progenismo mandibolare: in tal caso, la mandibola sporge più avanti rispetto alla mascella. Può essere causa anche di dolori a livello dell’articolazione temporo-mandibolare e dare problemi di masticazione e fonazione.
  • Crossbite: a bocca chiusa, i denti inferiori sporgono troppo o quelli superiori sono troppo rientranti. Il crossbite può condizionare la funzione masticatoria, obbligando mandibola e muscoli a una postura scorretta che, con l’andare del tempo, può causare dolore.
  • Morso aperto: si definisce morso aperto la fessura che rimane  tra l’arcata superiore e quella inferiore nel momento in cui la bocca è chiusa.  Questo può anche generare la cosiddetta “respirazione orale”, una condizione in cui il soggetto non respira con il naso ma con la bocca, causando problemi anche a livello sistemico.
  • Morso profondo: si riscontra quando, a bocca chiusa, i denti dell’arcata superiore coprono eccessivamente quelli dell’arcata inferiore. Il morso profondo genera problemi a livello di pronuncia, respirazione e masticazione. In alcuni casi, i denti possono anche andare a danneggiare gengive e palato, causando quindi ulteriori problemi.
  • Overjet aumentato: si verifica quando c’è una distanza maggiore del normale tra il margine incisale (quello che si usa per addentare) degli incisivi superiori e quello degli incisivi inferiori. In questo caso, gli incisivi superiori, essendo molto sporgenti, sono esposti ad un maggior rischio di frattura in caso di trauma.
  • Affollamento: presenza di troppi denti nella cresta dentaria.
  • Spazi tra denti: spazi tra i denti come risultato di uno o più denti mancanti o di denti troppo piccoli rispetto allo spazio disponibile.

Benefici dell’ortodonzia

L’ortodonzia è in grado di migliorare la salute orale su vari livelli. La maggior parte dei pazienti che si sottopongono a questo tipo di trattamento sperano di ottenere benefici dal punto di vista estetico. Tuttavia, è bene precisare che  i suoi vantaggi vanno al di là della semplice estetica. 

Benefici funzionali

Nel momento in cui verrà corretta la posizione dei denti, il beneficio principale riguarda il loro funzionamento. Masticare e mordere sarà di gran lunga più semplice, dal momento che i denti non saranno soggetti a un eccessivo logoramento e che inoltre verrà ridotta la loro mobilità.  Inoltre, la sensibilità dentale apparirà con minore frequenza.

Benefici per la salute

I benefici per la salute derivanti dall’ortodonzia hanno un riflesso diretto sia su bocca che sul resto dell’organismo. Dei denti ben collocati sono più facili da mantenere puliti, pertanto è meno probabile che la bocca sviluppi carie o malattie parodontali.  Inoltre, al di fuori di ciò che concerne la salute orale, noterai meno dolore alla schiena, orecchie e testa, aree in cui è facile che si accumuli tensione derivante da una masticazione incorretta.  Una volta corretta la posizione della bocca, tutta questa tensione scomparirà.

Benefici estetici

Avere un sorriso smagliante ha senza dubbio dei risvolti positivi sull’autostima e le relazioni sociali.

Tipologie di apparecchi

Vi siete mai chiesti se gli apparecchi possono utilizzarsi a tutte le età? La risposta è sì. Il suo utilizzo si è talmente esteso che oggigiorno l’apparecchio costituisce qualcosa di estremamente comune.

Ad ogni modo, esistono formule ben più discrete, come l’Invisalign, delle stecche estraibili e totalmente trasparenti. Di fatto, questa tipologia di apparecchio è solitamente utilizzata con pazienti di età avanzata. Un altro tipo di ortodonzia è la linguale: tale sistema è molto simile a quello convenzionale, ma in tal caso l’apparecchio viene collocato nella parte interna dei denti.

Esistono varie tipologie di apparecchi, sia fissi che mobili, utilizzati nei seguenti casi: 

  • spostamento dei denti;
  • riqualificare i muscoli;
  • stimolare la crescita delle mandibole.

Apparecchi fissi

Qui di seguito, una lista dei principali apparecchi fissi secondo quanto indicato da Colgate

  • Apparecchi ortodontici: si tratta di apparecchi composti da fasce, fili e/o sostegni. Le fasce vengono utilizzate per ancorare l’apparecchio ai denti, mentre i sostegni solitamente sono collegati alla parte frontale del dente. L’arco di fili passa attraverso i sostegni e viene collegato alle fasce. I denti sono messi in tensione e gradualmente si spostano nella posizione corretta tramite il tiraggio dell’arco di filo. 
  • Apparecchi speciali fissi: correggono  l’abitudine dei bambini di succhiarsi il pollice o spingere sui denti con la lingua. Questo tipo di apparecchio è fissato ai denti con delle bande.
  • Apparecchio fisso per il mantenimento di spazi tra i denti: nel caso in cui un bambino perda un dente prematuramente, si utilizza un apparecchio fisso per tenere aperto lo spazio che si è creato finché non spunta il dente permanente. Si collega una fascia al dente vicino allo spazio vuoto e un filo viene tirato fino al dente dall’altra parte dello spazio.

Apparecchi mobili

Per quanto concerne gli apparecchi mobili, i più comuni sono i seguenti:

  • Allineatore: gli allineatori seriali sono sempre più usati dagli ortodontisti per spostare i denti, ma senza ponti e supporti di metallo come negli apparecchi fissi. L’allineatore è invisibile e si toglie per mangiare, per lavarsi i denti e quando si usa il filo interdentale.
  • Apparecchio mobile per il mantenimento di spazi tra i denti: questo apparecchio è costituito da una base acrilica che riveste la mascella. È costituito da ramificazioni di metallo o di plastica per mantenere lo spazio tra i denti interessati.
  • Apparecchi per il riposizionamento della mascella: si possono posizionare sia sulla mascella superiore che inferiore. Il loro fine? Migliorare il movimento di chiusura.
  • Separatori di labbra e guance: servono per mantenere le labbra e le guance lontane dai denti. I muscoli del labbro e della guancia possono esercitare una pressione sui denti, e pertanto i separatori servono ad alleggerire questa pressione.
  • Espansore del palato: si tratta di un apparecchio usato per allargare l’arco della mascella superiore. Attraverso questo supporto di plastica che si fissa sul palato, la pressione verso l’esterno esercitata dalle viti porta ad un allargamento dell’area palatale.
  • Apparecchi mobili di mantenimento: posizionati sul palato, prevengono lo spostamento dei denti nella loro precedente posizione. 
  • Cuffia: si posiziona una cinghia dietro alla testa legata ad un filo metallico che arriva davanti fino ai denti, o arco facciale. L’uso della cuffia ha l’obiettivo di rallentare la crescita della mascella superiore e mantenere i denti posteriori in posizione tirando indietro i denti anteriori.

 

BENVENUTI AL NUOVO SEMESTRE 2020/2021

nuovo semestreInizia un nuovo semestre

Onliners! Il nuovo semestre è alle porte…Siete pronti per dare inizio a questa nuova avventura?

Qui di seguito, vi daremo alcuni utili consigli su come affrontarlo al meglio. E non è finita qui… siete curiosi di conoscere i vostri futuri professori? Da ILERNA Online Italia, non potete aspettarvi altro che la crème de la crème dell’insegnamento! Oltre a presentarvi i docenti che vi accompagneranno nel corso dei prossimi mesi e che renderanno questa esperienza indimenticabile, vi invitiamo ad accedere al nostro Instagram; nel corso di questa settimana, Mireia, Jorge e Laura vi lasceranno dei calorosi messaggi di benvenuto in video, non potete perderveli!

nuovo semestre

Alcuni consigli su come affrontare il nuovo semestre 

Volete arrivare agli esami super preparati e dimostrare che avete appreso appieno quanto presentato nel corso dei moduli? Ecco i 5 consigli da seguire alla lettera per superare con successo il semestre: 

Assistete alle video lezioni

Il metodo di ILERNA si basa sul cosiddetto blended learning, un approccio educativo che combina l’utilizzo di materiali online con lezioni presenziali. La maggior parte del corso di formazione in igiene dentale offerto dal nostro istituto ha luogo attraverso video lezioni, che avrete la possibilità di seguire sia in diretta che in differita. Nel caso in cui decidiate di optare per la prima opzione, sappiate che avrete la possibilità di interagire in tempo reale con i professori e gli altri studentti  utilizzando la chat a vostra disposizione. 

Nonostante la formazione di ILERNA Online sia a distanza, non vi sentirete mai abbandonati. Potrete contattare i docenti attraverso messaggi privati o prendendo parte ai forum dedicati nel Campus Virtuale. 

Accedete giornalmente al Campus Virtuale

Il Campus virtuale costituisce il Santo Gral di ILERNA.  Attraverso la piattaforma, potrete contattare i vostri professori, realizzare le prove di valutazione (le cosiddette PACs), assistere alle video lezioni, venire a conoscenza delle date delle sessioni d’esame, delle lezioni presenziali e di molto altro ancora. E ricordate: tutte le comunicazioni più importanti vengono pubblicate sul Campus, pertanto è buona prassi connettersi il più possibile (almeno una volta a settimana). 

Realizzate le valutazioni intermedie

Avete sentito parlare delle PACs? Si tratta di prove di valutazione intermedia che hanno un peso del 40% e che, nel caso in cui vengano svolte nel migliore dei modi,  vi consentiranno di incrementare il voto finale del modulo. Nonostante possano apparire come un lavoro extra, in realtà vi consentiranno di evitare l’accumulo di diverse unità formative in prospettiva dell’esame.  

E ricordatevi: le PACs non sono semplici esercizi per alzare il voto finale; rappresentano un passo importante per la valutazione globale. 

Organizzate bene il vostro tempo

Per poter organizzare al meglio il vostro tempo, è necessario apprendere la distinzione tra attività urgenti e attività importanti, a mettere in ordine la tua agenda ed a evitare inutili perdite di tempo. 

Tutti sappiamo che il tempo è oro. La corretta organizzazione dei compiti da svolgere nel corso della giornata di studio ha un impatto diretto sulla nostra produttività: un uso corretto del nostro tempo permette di migliorare la qualità dei risultati ottenuti e, di conseguenza, a raggiungere gli obiettivi che ci siamo prefissati.  

Per sapere come conciliare al meglio vita professionale, privata e studio, vi consigliamo di dare un’occhiata al seguente articolo:

LEGGI L’ARTICOLO

 Seguiteci sui social 

Sapete quanto amiamo la nostra community social. ILERNA Online Italia presenta diversi profili social, attraverso i quali condividiamo interessante materiale relativo al mondo dell’igiene dentale, interviste con professionisti del settore e con i nostri amati professori, testimonianze dei nostri cari studenti e tutte le novità relative al nostro percorso di studi.

Qui di seguito vi lasciamo un sneak peek di ciò che troverete in ciascuno dei nostri social network

  • Facebook: si tratta del nostro social network principale, che accoglie il grosso della nostra comunità. Lì condividiamo articoli, interviste, testimonianze; vi ricordiamo le date più importanti da tenere in mente; vi invitiamo a prendere parte a interessanti eventi online; infine, costituisce il canale ufficiale delle comunicazioni più importanti circa il nostro corso di formazione: sconti, offerte e molto altro ancora. 
  • Instagram: questo social è incentrato sulle persone, che siano i nostri studenti o professori, e sui retroscena che hanno luogo presso gli uffici di ILERNA. Inoltre, è il social dei concorsi a premi: seguici se non vuoi perderti i fantastici premi che abbiamo in palio per voi. Infine, nelle stories, diamo libero sfogo alla nostra creatività proponendovi giornalmente dei super quizz, grazie ai quali potrete testare le vostre conoscenze in materia di igiene dentale. 
  • LinkedIn: profilo di recente creazione, è incentrato sulle ultime news relative al nostro istituto: sconti, offerte, eventi online e molto altro ancora. 
  • Pinterest: ebbene sì, ILERNA Online Italia è appena sbarcata su Pinterest. Creeremo diversi board incentrati sulle seguenti tematiche: 
      • interviste a professionisti e professori;
      • testimonianze dei nostri alunni;
      • articoli relativi all’igiene dentale spiegati attraverso grafiche ad effetto;
      • blog posts concernenti il mondo dello studio. 
  • Blog: il blog di ILERNA è ricco di articoli che solo attendono di essere letti. Ogni settimana condividiamo notizie relative al mondo dell’igiene dentale, dello studio e del lavoro; interviste a professionisti e professori; testimonianze di alunni; guest posts; novità relative al nostro corso di studi (quali la spinosa questione relativa alla misura compensativa) e consigli su come affrontarlo al meglio. 

I vostri professori 

Mireia Estivill

Mireia Estivill

New entry nel circolo docenti di ILERNA Online Italia è Mireia Estivill. Nativa di Benidorm (Alicante) e laureata in Scienze Veterinarie, Mireia possiede inoltre un Master in Educazione degli insegnanti.

Fun facts: Mireia ama gli animali e la pasta; adora praticare sport, leggere libri (tra i suoi autori preferiti troviamo Carlos Ruiz Zafón) e godere della natura. Una frase che la inspira? “Be good, Do good”.

Jorge Abadia

Jorge Abadia

Amatissimo da tutti i nostri studenti, Jorge Abadía è Professore di Diritto e si occupa delle materie di formazione, orientamento sul lavoro e iniziativa imprenditoriale (legislazione, economia, avviamento delle aziende, tasse …). Nativo di Huesca (vicino a Saragozza), dopo aver conseguito la laurea in Giurisprudenza ha vagabondato per tutta Europa.

Fun facts: Jorge è appassionato degli sports di montagna, adora leggere ( tra i suoi autori preferiti troviamo Umberto Eco e Moravia), la cucina italiana e l’economia. Il suo motto? “Ande fueres, haz lo que vieres”, ovvero “Quando sei a Roma, fai come i romani”, che riflette la capacità di adattamento dell’essere umano medio.

Laura Alarcón

Laura Alarcón

Adorata da tutti i nostri studenti, Laura Alarcón è docente di igiene dentale presso ILERNA Online Italia. Nativa di Murcia, Laura ha 28 anni e possiede una laurea in Scienze Veterinarie, oltre che un Master in Educazione degli Insegnanti. 

Fun Facts: Laura afferma di non poter vivere senza il buon cibo, i suoi amici, la natura e la musica. Regista preferito? Tarantino senza dubbio. La frase che l’accompagna quotidianamente è:  “La suerte es cuestión de actitud” , ovvero “La fortuna è questione di atteggiamento”. 

 

E’ stato un anno complicato, costellato da intense emzioni. Abbiamo dovuto imparare a vivere di nuovo, ad adattarci alla situazione attuale combattendo contro un mostro invisibile. Da ILERNA Online Italia, vi invitiamo a non smettere mai di sognare: continuate a correre, non importa quanti siano gli ostacoli che dovrete affrontare. La vita è una bellissima poesia, e va sempre vissuta appieno. Qui sotto vi lasciamo il nostro augurio per voi: