Please assign a menu to the primary menu location under menu

Il Blog di ILERNA Online Italia

La Formazione Professionale su misura per te

AttualitàCuriositàIgiene dentale

Lingua bianca: cause e rimedi

Diseno-sin-titulo-2021-03-30T113702.900Lingua bianca: cause e rimedi

Oggi affronteremo una tematica concernente una patologia alquanto comune: la cosiddetta “lingua bianca”

La patina bianca che ricopre la lingua rappresenta un fenomeno che coincide con la crescita dei villi: i detriti, le cellule morte e i batteri si depositano sulla lingua, andando a formare un inestetico strato bianca sul “prato” della mucosa. 

La causa più comune di questa patologia riguarda una cattiva igiene orale, associata a marcata disidratazione. Per quanto concerne la secchezza delle fauci, si tratta di un fenomeno strettamente legato all’assunzione di farmaci o al fumo. 

lingua bianca

Cause della lingua bianca

Le cause più comuni dell’insorgere della lingua bianca sono le seguenti:

  • disidratazione e/o salivazione insufficiente;
  • fumo o assunzione di farmaci;
  • dieta squilibrata (crea disordini intestinali che si ripercuotono sul cavo orale);
  • utilizzo di particolari prodotti per l’igiene orale (es. colluttorio a base di perossido di idrogeno);
  • residui alimentari e proliferazione batterica;
  • iperventilazione dalla bocca;
  • infezioni;
  • lesioni della mucosa;
  • malattie dermatologiche autoimmuni.

Inoltre, il fenomeno della “patina bianca sulla lingua” è tipico di alcune patologie. Tra di esse, troviamo: 

  • apnee notturne;
  • candida;
  • embolia polmonare;
  • influenza;
  • sindromi parainfluenzali.

Come agire in caso di lingua bianca

In caso di lingua bianca, è necessario capire se ciò è frutto di una semplice reazione o se è riflesso di una patologia maggiormente seria. Un consiglio? Anche se alcune cause possono essere individuate autonomamente, è sempre bene rivolgersi a un medico

Prima di tutto è necessario capire se la lingua bianca è il frutto di una reazione normale o se costituisce un segno clinico più importante. Il consiglio migliore è sempre quello di rivolgersi al medico, anche se alcune possibili cause possono essere individuate autonomamente (come ad esempio l’utilizzo di un collutorio a base di perossido di idrogeno, che tende a far sbiadire la lingua). 

Per evitare l’insorgere di questo fenomeno, è necessario prestare attenzione a quanto elencato qui di seguito: 

  • Curare minuziosamente l’igiene orale, pulendo bene la bocca per evitare l’accumulo di residui alimentari. 
  • Promuovere la salivazione masticando chewingum e assumendo alimenti in grado di aumentarla.
  • Curare riniti, adenoidi, ecc., che impediscono di ventilare con il naso.
  • Mantenere un’idratazione generale, assumendo sufficiente acqua.
  • Limitare o compensare la sudorazione.
  • Curare patologie, quali febbre, vomito e diarrea, che inducono la perdita di liquidi.
  • Rivolgersi al medico per la ricerca e l’eventuale cura di fattori patologici:
    • Infezione da Candida albicans (candidosi orale).
    • Dermatosi infiammatoria cronica.
    • Leucoplachia (lesione benigna della mucosa orale).
    • Traumi cronici, fenomeni irritativi (spigoli dei denti cariati o scheggiati, apparecchi odontoiatrici ecc), carenze nutrizionali, anemia, allergie, infezioni e immunodepressione.

Come non agire

In caso di lingua bianca, i comportamenti che elenchiamo qui di seguito sono particolarmente scorretti

  • Evitare di andare dal medico, soprattutto quando la lingua presenta del materiale organico.
  • Allarmarsi eccessivamente.
  • Non prestare attenzione all’igiene orale.
  • Non promuovere la salivazione.
  • Non idratare la bocca in caso di secchezza delle fauci.
  • Consumare cibi o bevande che tendono a seccare la bocca.
  • Sudare eccessivamente senza idratarsi.
  • Trascurare riniti, adenoidi ed eventuali patologie che favoriscono la perdita di liquidi.
  • Ignorare eventuali carenze nutrizionali e seguire una dieta non equilibrata.
  • Assumere farmaci diuretici.

Rimedi naturali

Fermenti lattici e nettalingua

Per evitare l’insorgere del fenomeno, è consigliabile assumere fermenti lattici e usare un  nettalingua, uno strumento che aiuta a rimuovere fisicamente la patina, impedendo che le tossine accumulate si diffondano nel resto della bocca.

Oil pulling

Conoscete la tecnica dell’oil pulling? Consiste nell’utilizzare un cucchiaio di olio di cocco o di sesamo strofinando su tutti i denti e sulla lingua almeno per 15 minuti. Questa operazione va compiuta appena svegli, poco prima di lavarsi i denti, in modo tale da eliminare tutti i batteri.

Succo di aloe vera

L’aloe è ottima contro l’infiammazione: fai dei risciacqui con un cucchiaio di aloe vera e acqua.

Curcuma  

Per poter rimuovere con successo la patina bianca che si forma sulla superficie della lingua, potete creare uno scrub con curcuma e gocce di limone

Bicarbonato di sodio

Inoltre, potete fare dei risciacqui con 2/3 cucchiai di bicarbonato mescolati nell’acqua oppure cospargerne un po’ sullo spazzolino e con questo strofinare delicatamente sulla lingua.

Prevenzione della lingua bianca

A seconda dell’agente scatenante, è possibile prevenire l’insorgere della patina bianca nei seguenti modi:

  • Mantenere un buon livello di igiene orale, lavandosi i denti dopo circa 30′ dai pasti. Alcuni spazzolini da denti sono muniti di appendici per la pulizia della lingua. Inoltre, il collutorio facilita la riduzione della carica batterica orale ma può essere responsabile dello sbiancamento momentaneo della lingua.
  • Mantenere l’organismo ben idratato.
  • Garantire una ventilazione nasale efficiente.
  • Seguire una dieta ricca di ferro, acido folico e vitamina B12.
  • Prevenire le infezioni da candida, curando l’igiene globale.
  • Prevenire il lichen planus
    • Epatite C: in tal caso, il lichen planus è di secondaria importanza.
    • Allergeni: se le analisi riconoscono la sensibilità ad alcuni allergeni, è possibile che limitando l’esposizione a essi si possa ridurre l’incidenza di liche planus.
    • Farmaci: il medico potrebbe collegare l’insorgenza di lichen planus all’assunzione di un determinato farmaco.
  • Prevenire la leucoplachia, per quanto possibile. Possono essere correlati:
    • Evitare il tabacco e soprattutto il tabagismo.
    • Evitare o limitare al minimo l’alcol etilico.
    • Aumentare l’apporto di antiossidanti nella dieta.

Soffrite di recessione gengivale? Qui di seguito troverete un articolo sulle cause e i rimedi più comuni: